Le scarpe da running ammortizzate garantiscono generalmente un maggiore supporto all’arco rispetto alle altre tipologie di scarpe da corsa.

Sono progettate per i runner che hanno un piede molto rigido (supinatori) e che corrono normalmente su sentieri solidi; queste scarpe garantiscono un grande comfort e riducono il più possibile il rischio di infortunio.

Immagino che in questo momento ti stia chiedendo:

Quali sono le migliori scarpe running ammortizzate?
Quali dovrei scegliere?

Beh, sei capitato nell’articolo giusto.

Io sono Davide Ferro, ex runner professionista e appassionato di running.

Per oltre 5 anni ho lavorato in un negozio di scarpe da running aiutando migliaia di persone a scegliere la scarpa perfetta.

In questo articolo ti elencherò le 5 migliori scarpe ammortizzate del 2019.

Se alla fine dell’articolo hai ancora qualche dubbio, lascia un commento e ti risponderò in meno di 24 ore.

Bene, sei pronto? Iniziamo!

Quali sono le migliori scarpe da running ammortizzate del 2019?

Le migliori scarpe ammortizzate del 2019 sono Altra Olympus, Brooks Ghost, Adidas Ultra Boost, Brooks Glycerin e Salomon Sonic Pro.

Andiamo a scoprirle una per una.

Altra Olympus 2.5

Le scarpe da running massimo ammortizzamento

Sei stufo di sentire dolore al piede quando corri su sentieri sterrati?

Prova le Olympus 2.5.

Offrono massimo ammortizzamento, sono perfette per il trail running e tra le migliori scarpe da running ammortizzate di sempre.

Queste scarpe da corsa rientrano nella categoria “massimo ammortizzamento

Sono estremamente durevoli e realizzati con materiali di qualità e hanno una suola Vibram Megagrip garantisce anche un’ottima trazione.

Sono leggermente costose, ma se pensi a tutte le protezioni che ti offrono (e che sono scarpe a massimo ammortizzamento), beh, diciamo che il gioco vale la candela.

  • Marchio: Altra
  • Drop: 0mm
  • Peso: 326g
  • Ideale per: runner che cercano scarpe a massimo ammortizzamento per il trail running

Brooks Ghost

Migliori scarpe running ammortizzate A3

L’ultima versione della Brooks Ghost offre un’eccellente ammortizzazione e un altissimo livello di comfort.

È una scarpa bella, durevole e ottima per diverse distanze, dalle corse brevi alle maratone.

È considerata una scarpa neutra che combina supporto, comfort, flessibilità e ammortizzazione.

Questa scarpa è un grande passo in avanti rispetto alla precedente Ghost 11, che ha rubato il cuore di tantissimi runner.

Il suo prezzo medio la rende ideale per qualsiasi tipologia di runner.

  • Marchio: Brooks
  • Drop: 10mm
  • Peso: 292g
  • Ideale per: runner neutri (o supinatori) anche con la pianta larga che cercano scarpe per brevi o lunghe distanze (anche mezze maratone o maratone).

Adidas Ultra Boost

Le migliori scarpe running ammortizzate Adidas

Le Adidas Ultra Boost sono scarpe running ammortizzate ideali sia per le brevi che per le lunghe distanze, e sono progettate per garantire un grande comfort, stabilità e trazione.

Il sistema Boost garantisce un’ottima protezione della parte inferiore del piede, mentre la tomaia in mesh una grande traspirabilità.

Non è impermeabile e per questo motivo è ideale solo per la corsa su asfalto e in condizioni asciutte.

È invece sconsigliata per il trail running.

  • Marchio: Adidas
  • Drop: 10mm
  • Peso: 303g
  • Ideale per: runner che cercano una scarpa di design per allenamenti e gare dalle brevi alle lunghe distanze.

Brooks Glycerin

Le migliori scarpe running super ammortizzate

Le Brooks Glycerin sono dotate di un super ammortizzamento in grado di garantire il massimo comfort su qualsiasi tipologia di terreno e per qualsiasi distanza.

La tomaia è progettata per mantenere fresco e pulito il tuo piede.

La sua durabilità la rende una delle migliori scarpe running ammortizzate di questa lista.

Salomon Sonic Pro

Le migliori scarpe trail running ammortizzate

Salomon è conosciutissima nel mondo del trail running, e anche in questo caso ha partorito una scarpa eccezionale.

Le Salomon Sonic Pro sono un mix di protezione e comfort in un design che non sembra così ingombrante come dovrebbe, considerando che si tratta di scarpe super ammortizzate.

Essendo un brand specializzato in trail running, Salomon si è concentrata anche in questo caso su caratteristiche chiave come protezione, trazione e durabilità.

Come tutte le altre scarpe runnign Salomon, anche la Sonic non è economica.

Tuttavia, possiamo affermare che non è neanche così tanto più cara rispetto alle altre in questa lista.

  • Marchio: Saucony
  • Drop: 8mm
  • Peso: 240g
  • Ideale per: runner che cercano una scarpa ammortizzata per il trail running

Conclusioni

Hai trovato le scarpe running ammortizzate che fanno per te?

Se hai qualche domanda o dubbio, leggi la classifica delle migliori scarpe running 2019 oppure lascia un commento e cercherò di risponderti entro 24 ore.

Buon allenamento!
Davide di Scarperunning.org

Valuta l'articolo ->
Valutazione
5 based on 18 votes
Scarpe Running Ammortizzate

29 Commenti

  1. Ciao, vorrei porre un quesito in merito alle scarpe super ammortizzate. Io peso 86 kg e percorro circa 40 km a settimana suddivisi in tre/quattro uscite settimanali. Sono al terzo paio di Brooks Glycerine e posso dire di essermi trovato sempre bene. Tuttavia vorrei provare anche le Mizuno. Andrei su una scarpa neutra visto che uso dei plantari personalizzati. Quale modello mi consigli affinché abbia lo stesso o maggiore beneficio in termini di ammortizzazione? Grazie. Tony

    • Ciao Tony,

      Beh hai scelto una delle scarpe in generale più complete sul mercato e difficile da superare se ricerchi quelle caratteristiche cioè un connubio di confort e leggerezza.

      Se però vuoi andare sulle Mizuno puoi provare le Wave Rider: si tratta di una scarpa ammortizzata ma che dà una risposta molto più rilevante rispetto alla Glycerine.

      Se aumenti la distanza puoi provare la Prophecy ma è più costosa e più pesante anche se una volta indossata sembra più leggera.

      Qui trovi i link per acquistarli su Amazon al miglior prezzo:
      – Mizuno Wave Rider 22: https://amzn.to/2OYaEX8
      – Mizuno Wave Prophecy: https://amzn.to/2WZ561r

      Buon allenamento,
      Davide

    • Buon giorno, mi rivolgo con questa mail a Davide Ferro di cui ho letto molte recensioni riguardo le scarpe da running apprezzando molto il suo intento e cercando di capirci un po di più in questo mondo vastissimo della scelta delle scarpe da corsa più appropriate. Purtroppo sono rimasto con molti dubbi. Per questo mi permetto di chiedere a Davide un consiglio. Ho 60 anni peso circa 69 kg e mi alleno giornalmente in lunghe camminate a passo veloce di 7/8 km sul mio tapisroulant Toorx avendo poco tempo per allenarmi fuori. Ignorantemente ho usato per circa due anni le stesse scarpe da ginnastica (senza badare alle caratteristiche) e ora sono costretto a stare fermo per una tallonite al piede destro. Ti assicuro che soffro molto a stare fermo. Ora nell’attesa di guarire bene, sto cercando un paio di scarpe adatte che mi aiutino a non ricadere più in questo tipo di infortunio. Credo di essere un leggero pronatore (ho giocato al calcio e poi corso fino a qualche anno fa) senza mai incorrere in infortuni seri (ginocchia, articolazioni ecc.). Ora seguendo le tue recensioni ho individuato la BROOKS GLYCERIN 16 che pare abbia un ottimo ammortizzamento sui talloni. Vorrei cortesemente sapere cosa ne pensi e se puoi gentilmente darmi in alternativa qualche altra marca e tipo che abbia un ottimo ammortizzamento proprio sui talloni (dove ho capito che potrei infortunarmi). Perdonami la lungaggine e attendo speranzoso una tua cortese risposta.
      Distinti saluti
      Memmo da Roma
      58memmo@gmail.com

      • Ciao Memmo,

        Hai fatto bene a scrivermi.

        Beh si! Qualunque scarpa sia da running, più o meno performante, ti consiglio di cambiarla dopo 500/600km o dopo 1 anno e mezzo/2.

        Direi che ciò che hai scelto è un ottimo modello!

        Ce ne sono svariati, anche io ti avrei consigliato un modello neutro, poi, se sentissi l’esigenza, ti proporrei di rimanere su una scarpa neutra facendoti fare un plantare su misura.

        Ottima scelta e fammi sapere come va!

        PS: prima di ricominciare con gli allenamenti assicurati che l’infiammazione sia passata, una volta sicuro di questo, ricomincia con pochi km e lasciando sempre un giorno di riposo.

        Buon allenamento,
        Davide

  2. Ciao,
    Sono un runner principiante, corro da circa 2 anni.
    Come prime scarpe ho utilizzato delle banalissime Nike zoom e successivamente delle nike free rn flyknit gyakusou, le quali assieme alla mia esuberante pronazione mi hanno quasi distrutto le ginocchia.
    Sto uscendo da una brutta infiammazione della bandelletta ileotibiale.
    Fatto esercizi mirati al rinforzo dei quadricipiti e ho RI-iniziato a correre con delle Brooks Ravenna le quali mi stanno aiutando a riprendere un buon ritmo.
    Il mio appoggio al terreno e’ col tallone e sto cercando in maniera naturale di portarla sempre sul mesopiede, ma so che ci vuole tempo.
    Vorrei acquistare un secondo paio di scarpe, ma sono completamente indeciso.
    Ho un amore per le nike, ma ho visto che non c’e` molto. Ho letto buone info sulle classiche Asics GT2000 6 e su altre Brooks e Saucony.
    Cosa mi consigli?
    Ah. faccio tre uscite a settimana: due di ripetute e una sul lungo. sono partito dal 5km e ora faccio circa 8km fino ad aumentare in maniera progressiva per arrivare ai 21km. Faccio circa in media 4:40 al km.
    Prima di rovinarmi le ginocchia ho chiuso la deejayten 2017 in 48min e 22.
    Attendo tuoi suggerimenti.

    • Ciao Henry,

      Che dolore la maledetta bandelletta tibiale!

      Ne ho sofferto per un breve periodo anche io e ti devo dire che lo ricorderò ancora per un bel pò.

      Purtroppo può succedere che si infiammi per motivi diversi, sia per aver corso per lunghi periodi con le scarpe sbagliate sia per sovraccarichi di lavoro dovuti alle distante ed allenamenti, piuttosto che ai chili di troppo.

      Nel mio caso erano concomitanti i chili di troppo e allenamenti ripetuti senza far scaricare la muscolatura per il tempo necessario.

      Il recupero è importante così come l’allenamento.

      Ma torniamo a noi.

      Se vuoi rimanere su Nike e non le hai mai provate, puoi optare per le Nike Lunarglide, mentre come seconda scarpa ti consiglierei un prodotto per eventuali allenamenti più lunghi piuttosto che per gli allenamenti di scarico.

      Rimarrei sulle Asics GT 2000 e le Lunarglide per darti un’alternativa per Nike.

      Qui trovi i link per l’acquisto al miglior prezzo:
      – Asics GT2000: https://amzn.to/2P0Gang
      – Nike Lunarglide: https://amzn.to/2OVA1cf

      Buon allenamento,
      Davide

  3. Ciao Davide ho bisogno di un consiglio…sono un runner da sempre grande appassionato della corsa…anni fa a causa di un incidente mi è stato impedito di praticare per sempre questo sport che adoro…ora però a distanza di anni e dopo non so più quanti interventi sono tornato a praticare questo sport…non posso più correre ma posso camminare, ho una buona andatura, medio alta e percorro giornalmente 12/14 km…sono alto 1.82 cm e peso 86 kg…ho sempre utilizzato Mizuno ora dovrei cambiare le scarpe e mi chiedevo se potevi consigliarmi una marca di scarpe da poter utilizzare al meglio!! I miei percorsi sono misti tra sterrato e asfalto e come scarpe sono innamorato delle Mizuno per qualità, praticità, leggerezza e ammortizzazione…pertanto ti chiedo un consiglio su quali possano essere per le mie caratteristiche le migliori Mizuno in commercio o se invece mi sapresti consigliare una marca di scarpe da lasciarmi sbalordito al primo utilizzo così come sono rimasto estasiato al primo utilizzo del mio primo paio di Mizuno!! Ti ringraziamo anticipatamente per la risposta!! A presto
    Max…

    • Ciao Max!

      Ti ringrazio per avermi scritto!

      Allora, la Mizuno è sicuramente una delle marche più conosciuto nel mondo dei runners.

      Per quello che fai tu secondo me le Rider possono fare al caso tuo.

      Purtroppo dovrei conoscerti bene per poterti consigliare al meglio un prodotto che possa davvero sbalordirti.

      A livello di leggerezza e ammortizzazione puoi provare le Nike Pegasus o Vomero, la prima è un po’ più reattiva rispetto alla seconda che è un modello più riposante.

      Altre marche che potrebbero soddisfarti sono le Adidas che con la nuova tecnologia Boost offrono grande leggerezza, ammortizzazione e risposta.

      Purtroppo però risultano essere più strette sulla pianta rispetto alla Nike e alle Mizuno.

      Ultima marca però leggermente più pesanti ma da provare sono le Brooks Glicerin.

      Qui tutti i link per l’acquisto e le mie recensioni:
      – Mizuno Wave Rider 22: RecensioneAcquista su Amazon
      – Nike Pegasus 35: RecensioneAcquista su Amazon
      – Nike Vomero: RecensioneAcquista su Amazon
      – Adidas Ultra Boost: RecensioneAcquista su Amazon
      – Brooks Glycerin: RecensioneAcquista su Amazon

      Spero di esserti stato d’aiuto e continua così!

      Buon allenamento,
      Davide

  4. Salve Davide,
    devo ricominciare a correre dopo un bel periodo di sosta per un problema con l’osso astragalo (edema) . Mi hanno consigliato di ripartire con un modello Hoka ma ancora da individuare il più adatto per il mio problema. In passato ho utilizzato le Wave Rider della Mizuno dalla 15 alla 20 ! Ho utilizzato anche le Brooks Glicerin . Ottime e fantastiche scarpe . Ma la mia curiosità per ora è indirizzata verso le Hoka. Cosa ne pensi ? intendo soprattutto per il mio problema . Ho un peso di circa 80 kg e credo che per ripartire dovrò purtroppo sopportare una scarpa meno reattiva, ma con più protezione . La Grazie anticipatamente.

    • Ciao Stefano,

      La Hoka è un ottima scarpa molto ammortizzata ideale per chi pesa molto o per chi come te ha necessità di scaricare il più possibile l’impatto a terra.

      Io ti consiglio di andare tranquillamente su uno dei modelli neutri.

      Inizialmente ti sentirai un po’ strano, poi una volta presa l’abitudine, ti sembrerà di correre con delle normali scarpe.

      Un consiglio: quando ricomincerai ad utilizzare delle scarpe meno ammortizzate, cerca di iniziare con pochi km e di alternare la scarpa più reattiva con le Hoka.

      Buon allenamento,
      Davide

  5. Ciao Davide,
    È da un po’ che soffro di una tendinopatia al tendine d’achille, probabili a causa delle new balance conop cui corro. In passato mi sono trovato bene con saucony, mizuno e Skechers, a3 e ben ammortizzate.
    Sono altro 193 e peso 104 kg… cosa mi consigli per riprendere a correre proteggendomi tendine d’achille e ginocchiata?
    Grazie,
    Antonio

    • Ciao Antonio, la tendinopatia è una delle problematiche più frequenti dei runners, quindi non ti preoccupare.

      Escluderei le Skechers (che non considero scarpe da running bensì scarpe da passeggio molto morbide), e mi orienterei su una delle scarpe running A3 che trovi in questo articolo: https://www.scarperunning.org/scarpe-running-a3/

      Se cerchi un paio di scarpe super ammortizzate da alternare a scarpe A3 tradizionali, ti consiglio le Hoka.

      Buon allenamento,
      Davide

  6. Buonasera Davide , ti scrivo perché avrei bisogno di un tuo consiglio riguardo l’acquisto di un paio di scarpe da running ; da premettere.che soffro ormai da un po’di tempo di tendinite bilaterale.cronica e mi viene molto difficile trovare le scarpe adatte ; mi sono trovato benissimo con asics gel glorify ma ormai sono fuori produzione , successivamente ho comprato le asics nimbus 19 ma le ho dovute mettere da parte perché i tendini andavano in sofferenza ; ho deciso di comprare le adidas solar boost ,mi sono trovato bene i primi due mesi ma dopo il dolore ai tendini mi è tornato .avrei bisogno di massima ammortizzazione sia sul tallone sia sulla suola ,cosa mi consigli ? Ti ringrazio in anticipo

    • Ciao Graziano,

      Trattare una tendinite continuando a correre non è ideale: più sollecitiamo un tendine infiammato, più rischiamo di danneggiarlo.

      Un tendine infiammato è un tendine da curare e non possiamo pensare che una scarpa possa farlo.

      Non conoscendo il tuo peso, la tua altezza, le tue abitudini e la frequenza dei tuoi allenamenti, non posso consigliarti qualcosa di più specifico, tuttavia la buona norma consiglia di ridurre il peso (nel caso tu fossi in sovrappeso) e il numero di chilometri percorsi magari aumentando le uscite (distribuire cioè gli stessi chilometri in più allenamenti a settimana), per dare un po’ di riposo in più al tendine.

      Un’altra cosa che può aiutare è mettere un pò di gel durante il giorno (magari mentre sei al lavoro).

      Nonostante non ti sia trovato bene con le Nimbus 19, ti consiglio comunque di provare le 21 (che sono state modificate), alternandole con le Hoka Bondi (scarpe da corsa più morbide).

      Un consiglio: non utilizzare sempre e solo le Hoka perchè il tuo piede si potrebbe abituare troppo.

      Buon allenamento,
      Davide

  7. Ciao! Mi chiamo Carlotta e ho 32 anni.
    Io vorrei un consiglio su quale scarpa comprare! È da poco che ho cominciato a correre “seriamente”, inteso come costante e aumentando gradualmente i km , ora faccio i 9 in 50 minuti circa, ma da qualche settimana da quando ho aumentato i km ho dolore al ginocchio sinistro sotto la rotula diciamo, so che non sei un dottore, però sicuramente mi sai dare qualche consiglio utile soprattutto su quale scarpa comprare visto che corro con delle scarpe Nike che avevo già in armadio.. io credo siano state le scarpe a causami il fastidio al ginocchio.. hai qualche consiglio anche sul appoggio del piede in corsa? Grazie

    • Ciao Carlotta,

      Premetto che non sono un medico, e che per avere informazioni più precise dovresti rivolgerti ad uno specialista.

      Secondo la mia esperienza, comunque, dovrebbe trattarsi di un’infiammazione al tendine rotuleo (tendinite) probabilmente dovuta a due fattori:
      1) sovraccarico: hai fatto troppa attività fisica nell’ultimo periodo?
      2) corri appoggiando la gamba sinistra in modo preponderante rispetto alla destra?

      Generalmente un’infiammazione del genere si dovrebbe risolvere in 10/15 giorni; a tal proposito ti consiglio di:
      1) stare a riposo una settimana
      2) iniziare a corricchiare dopo una settimana:
      – se senti dolore, fermati e torna a casa: significa che non è ancora passata e devi continuare a stare a riposo;
      – se non senti dolore, verifica la situazione del ginocchio il giorno seguente; se è ok, puoi gradualmente tornare a correre.

      Se il dolore dovesse persistere, ti consiglio di andare da un fisioterapista per verificare che non ci siano delle lesioni al tendine.

      Parliamo ora di scarpe da running.

      Basandomi su quello che mi hai detto, per fare allenamenti intensivi sui 9/10 km puoi optare per una qualsiasi scarpa da running A3 che trovi in questo articolo, ma per poterti dare dei consigli più precisi avrei bisogno di avere queste informazioni:
      1) quanto sei alta e quale è il tuo peso?
      2) come è il tuo arco plantare (alto o basso)?

      Un caro saluto,
      Davide

  8. Ciao, che ne pensi in generale delle Nike? hai un modello da consigliarmi?
    Peso sui 95kg (per questo vorrei delle scarpe molto ammortizzate) e le userei per allenamenti in palestra o corse per breve distanza.
    Grazie mille.

    • Ciao,

      Nike è uno dei miei brand preferiti; si tratta di un’ottima marca, ma ricorda sempre che bisogna scegliere una scarpa in base alle tue esigenze, non in base al marchio.

      Ad ogni modo ti consiglio:
      Nike Vomero: se cerchi una scarpa totalmente ammortizzante e confortevole
      Nike Pegasus: se cerchi una scarpa un po’ più reattiva che ti aiuti nella corsa (ma meno ammortizzata)

      Comunque è importante non lasciarsi guidare dal brand. Ognuno di noi ha delle esigenze differenti, e se non ti dovessi trovare bene, ti consiglio di cambiare marca.

      Buon allenamento,
      Davide

  9. Buongiorno,
    da circa un mese ho ripreso a correre dopo quasi 4 anni di inattività dalla corsa “seria” (molto tra virgolette, il massimo fatto erano 13km poco sotto i 5min/km), causati di una miriade di problemini fisici che a lungo andare mi hanno costretto allo stop.
    Anche per quest’ultimo motivo, sto riprendendo molto cautamente pur cercando di essere costante nell’attività, riaumentando gradualmente distanza e ritmo: ora sono tornato a fare 7km max a circa 6min/km, ma ovviamente punto a fare meglio.
    Attualmente corro con le Mizuno Wave Rider 18, l’ultimo paio di scarpe acquistate un mese prima dello stop di 4 anni fa; sono consapevole di doverle cambiare, o almeno di alternarle con un altro paio, ma sono terrorizzato perchè con queste mi ci trovo divinamente e perchè qualche anno fa tribolai tantissimo, per dolori ai piedi e muscolari, con altri modelli come Nike Pegasus 31 e Asics Cumulus 16.
    Per una nuova scarpa pensavo ad una abbastanza ammortizzata, oppure più semplicemente rioptare per le Mizuno o un modello con lo stesso drop della Rider 18 (ovvero drop 12)…ma non è che sia proprio così sicuro delle mie convinzioni… 🙂
    Quali modelli potrei provare?
    Grazie anticipatamente

    • Ciao Fabio,

      Se non dovessi avere problemi con le scarpe di 4 anni fa (esauste, dure, e con tecnologie vetuste) non dovresti averne nemmeno con quelle che stai per acquistare 😉

      Detto ciò, puoi optare per il nuovo modello delle Wave Rider, che nonostante le innovazioni, rimane simile a quello di quattro anni fa.

      Se hai scelto le Cumulus, invece, devo dirti che hai sbagliato tipologia, perché sono decisamente inferiori alle Rider.

      Per quanto riguarda le Pegasus, invece, qualche anno fa effettivamente erano usciti dei modelli poco qualitativi. Potrebbe essere questa la causa del tuo fastidio, oppure il fatto che il brand Nike non sia adatto a te.

      Se hai bisogno di altri consigli, comunque, chiedi pure.

      Continua così.

      Buon allenamento,
      Davide

  10. Ciao Davide, 5 anni ho subito intervento al ginocchio sx con protesi totale.
    Siccome sono appassionato di corsa, non posso più correre ma posso camminare, ho provato a camminare a passo sostenuto e percorro giornalmente 12 km in 1 ora e 45 minuti. Ho bisogno di un consiglio, quale marca di scarpe mi consigli da utilizzare?. Sono alto 1,72 cm e peso 87. Ti ringraziamo anticipatamente per la risposta.
    Michele

    • Ciao Michele,

      Come modelli io consiglio sempre delle scarpe A3 cioè scarpe da running neutre con massimo ammortizzamento.

      Il più adeguato a te è in funzione delle caratteristiche del piede, se pista larga o stretta, collo alto o basso etc.

      Un’indicazione è quella di sostituirle intorno ai 500/600km.

      Se preferisci una scarpa più protettiva in quanto la tua situazione può richiederlo, puoi provare anche le Hoka che sono un brand meno conosciuto ma indicato per chi ha bisogno di una maggiore protezione.

      Buon allenamento,
      Davide

  11. Salve Davide,

    avrei bisogno bisogno di un consiglio.

    Sono recentemente passato dalle mie vecchissime Asics Kayano alle Brooks Glycerin 16 (mi è stato detto che il mio stile di corsa è neutro). Dopo ca 150 km devo dire che fatico ancora a godermi appieno questo modello, rispetto a come ero abituato con Asics questo in effetti risulta un po’ troppo morbido sul tallone (non so se è per questo che spesso soffro di un fastidio dopo la corsa alla caviglia destra).

    Sarei tornato ad Asics, con le Nimbus 21, purtroppo però il mio numero abituale, 41.5 (26 cm), risulta forse un po’ troppo “giusto” per correre, mentre la mezza taglia in più non è così fasciante come il mezzo numero in meno.

    Che cosa mi consiglieresti? Stavo valutando una scarpa un po’ più reattiva come la Levitate 2 o la Pegasus 36 di Nike. Eventualmente On conosci? Tieni conto che ho l’alluce rivolto verso l’alto, perciò scarpe come le Solar di Adidas, che avrei considerato volentieri, non vanno bene.

    Grazie
    Samuele

    • Ciao Samuele,

      Direi che se dopo 150km non ti sei ancora abituato alla scarpa, purtroppo è un modello che non fa al caso tuo.

      Comunque è normale sbagliare acquisto in quanto non è possibile conoscere tutti i modelli di scarpe esistenti.

      È difficile anche per chi le testa, figuriamoci per chi cambia solo 3/4 paia di scarpa all’anno (o meno).

      Probabilmente una scarpa troppo morbida come la Glycerin non fa al caso tuo.

      Il modello di Asics che avevi prima quale era? Quanto sei alto e quanto pesi? Quanti anni hai?

      La Pegasus può andare bene per chi ha un peso sotto gli 85 kg ed un passo dai 5/5.30 a km.

      Se mi dai qualche dato un più posso consigliarti qualche modello più idoneo a te!

      Buon allenamento,
      Davide

  12. Ciao!
    Sono completamente un principiante, 2 settimane di camminata veloce/corsa su tapis elettrico.
    Le scarpe che ho usato finora sono ormai consumate, anche non a causa della corsa, ed ora mi ritrovo a dover acquistare delle scarpe nuove.
    Pensavo di comprare delle scarpe invernali da usare sia per attività di tutti i giorni e sia per la corsa, che pratico ogni giorno per 60 minuti a intensità medio bassa.
    Tu cosa mi consigli?
    PS: volevo mantenermi in una fascia di prezzo accettabile.

    • Ciao Marco,

      se per attività di tutti i giorni intendi camminare o fare altre cose e poi con le stesse scarpe andare a correre, mi dispiace ma devo dirti che questa cosa non è assolutamente consigliata.

      Devi acquistare 2 paia di scarpe: una per le attività di camminata/palestra ed un’altra per la corsa.

      Questo è necessario per evitare problemi nel tempo al tuo fisico.

      Per fascia accettabile cosa intendi? Per me può essere 40€ ma per te 150€, è un dato importante per darti un consiglio.

      Buon allenamento
      Davide

  13. Ciao Davide, non so niente di scarpe e quindi ti chiedo un consiglio.
    Ho 43 anni, altezza 1,69, 60 chili.
    Corro (poco) circa 2 massimo 3 volte alla settimana, ogni volta circa 2 chilometri, sempre su asfalto, con leggere salite e discese.
    Sono un supinatore, ma “quanto” non saprei.
    Mi servono un paio di scarpe molto ben ammortizzate perché ho l’osteoporosi, e quindi devo evitare che gli avvallamenti delle mie vertebre possano aumentare a causa della corsa.
    Il prezzo non è un problema (almeno per le scarpe).
    Finora ho avuto delle Mizuno Wave Nexus 6, ormai da cambiare perché consumate.
    Grazie infinite.

    • Ciao Matteo,

      Oltre alle Pegasus e le Kinsei, nessuna scarpa ha dei sistemi validi per la supinazione.

      Io ti consiglierei un plantare se lo reputi necessario.

      Altrimenti puoi andare su una scarpa neutra molto ammortizzata come la Hoka Bondi. Si tratta di un prodotto realizzato per chi ha bisogno di un’ammortizzazione ottimale per questioni di salute o di peso.

      Buon allenamento,
      Davide

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here