Home Scarpe Running Nike Nike React Infinity Run 2: Recensione della Scarpa Contro gli Infortuni

Nike React Infinity Run 2: Recensione della Scarpa Contro gli Infortuni

4
105
nike react infinity run 2

Per me questa scarpa Nike è stata una dei migliori lanci del 2021. Fin dal suo inizio, la collezione Infinity di Nike è stata creata per ridurre i possibili infortuni e questo aggiornamento continua su quella lunghezza d’onda anche se impreziosita da alcune migliorie.

È destinata a runner neutri e utilizzo misto, sia per completare sessioni di allenamento giornaliere sia per ottenere il massimo delle prestazioni nelle competizioni più impegnative.

L’unico svantaggio delle prime Infinity, che impediva alla scarpa di essere davvero al top, era il fatto che la loro vestibilità superiore era ampia, forse eccessivamente.

Questo è il motivo per cui non aveva un perfetto bloccaggio del piede che in alcuni casi poteva anche causare qualche fastidio poiché il tallone scivolava e questo movimento del tallone limitava la sua versatilità. 

Con queste premesse non sorprende che Nike, in questa nuova versione, si sia concentrata sul miglioramento di questo difetto proseguendo con una linea di continuità con gli altri elementi.

Io sono Davide Ferro, ex corridore professionista, e anche questa volta ho testato per te le React Infinity Run 2 percorrendo oltre 50 km con le nuove creature di casa Nike.

Vuoi sapere le mie sensazioni durante la corsa, l’esperienza generale con indosso questa scarpa e sapere se sarà la scarpa ideale per il tuo piede e la tua corsa?

Continua a leggere e scopriamo insieme pregi e difetti di questa nuova calzatura da running.

Test delle scarpe da corsa React Infinity Run 2

Nella mia prima corsa con le Infinity Run 2 ho constatato che questa è una scarpa da corsa ad alte prestazioni.

Spicca il supporto mediale attraverso la clip sul tallone, essenziale per la stabilità e ciò è particolarmente evidente quando si corre.

Posso dire che si tratta di una scarpa di fascia alta per l’allenamento quotidiano in grado di percorrere lunghe distanze di oltre 30 chilometri grazie alla sua profonda ammortizzazione e ti consente persino di accelerare il ritmo se ne hai bisogno.

La più grande usura che ho visto sul mio paio di Infinity 2, dopo aver percorso un po’ di chilometri, è sui lati della suola dove non c’è rivestimento in gomma anche se servirà tempo per valutare la durata generale della Infinity Run Flyknit 2.

La trazione è buona su superfici asciutte ma leggermente scivolosa su erba e superfici bagnate.

Caratteristiche tecniche

  • MarchioNike
  • Modello: React Infinity Run 2
  • Tipologia: Ammortizzata
  • Peso: 302 g da uomo – 244 g donna
  • Drop: 9 mm
  • Famiglia: Nike Infinity Run

Caratteristiche generali

La Nike React Infinity Run Flyknit 2 è una scarpa da corsa per tutti i giorni, resistente e ben ammortizzata.

Fornisce stabilità sia ai corridori neutri che a quelli con una leggera pronazione.

Il tasso di infortuni è rimasto lo stesso per 40 anni e circa il 60% dei corridori subisce almeno un infortunio ogni anno. Nike ha combinato una serie di aspetti e tecnologie nella Nike React Infinity Run con l’intenzione di ridurre tale rapporto.

La React Infinity 2 è costruita su una piattaforma dell’intersuola in schiuma React a tutta lunghezza e offre un sacco di comfort, morbidezza e resistenza. Allo stesso tempo fornisce anche una piattaforma ampia e robusta per una varietà di andature.

I corridori possono trovare gli aggiornamenti più importanti relativi alla seconda edizione di questa scarpa nella tomaia in maglia. Il sistema di allacciatura è ora protetto dal sistema Flywire di Nike per una sensazione di bloccaggio superiore.

Una maggiore imbottitura nel colletto del tallone offre una vestibilità più comoda e sicura. E in generale la tomaia, che presenta un mix di maglia ruvida, resistente e un motivo più leggero e aperto, offre più supporto e traspirabilità rispetto all’edizione precedente. È anche un po’ più pesante rispetto alla versione originaria.

C’è molta più gomma soffiata sulla suola in questo modello e ciò aiuta a fornire una migliore trazione e durata. Le scanalature strette della suola gli conferiscono una flessibilità orientata alle prestazioni e aumentano la trazione in tutti i tipi di condizioni atmosferiche.

La corsa è generalmente morbida e molto sicura ma sembra leggermente più solida della versione precedente. 

Suola

La suola è stato uno dei punti che ho apprezzato maggiormente in questa Nike React Infinity Run Flyknit 2 ed è rimasta pressoché la stessa del modello base.

D’altronde, suola che vince non si cambia.

La Nike React Infinity Run 2 ha cambiato un po’ la sua presentazione: per cominciare, abbiamo una suola completamente ricoperta di gomma soffiata.

Nella zona del tallone e del metatarso abbiamo una curiosa geometria che ha debuttato nelle scarpe più eleganti come le Nike React Element.

Questa geometria consente di trasferire alla suola le scanalature derivate dall’algoritmo fluidodinamico senza che la gomma ne interrompa la funzione, coprendo le zone dove non abbiamo tali scanalature con un materiale rigido.

Questa gomma soffiata è dura e aumenta notevolmente la durata che abbiamo visto nell’Epic React.

Penso che la Nike React Infinity Run durerà almeno 600 chilometri senza problemi e nella maggior parte dei casi anche più a lungo, soprattutto per i corridori sotto gli 80 kg.

Intersuola

L’Infinity Run ha lo smussamento del tallone più pronunciato e più alto così come la punta.

Con un “rocker” marcato si tende ad atterrare meno sul tallone quindi l’allineamento della catena cinetica caviglia-ginocchio-anca è più verticale e allineata e l’impatto da assorbire è ridotto. Di conseguenza si ridurrà anche la pronazione.

Il materiale dell’intersuola è il un altro elemento importante della lista: la schiuma React è probabilmente il miglior materiale sul mercato in questo momento e senza dubbio il più completo.

Infinity Run ha il 24% di React in più rispetto al passato. È un materiale che, grazie alle sue proprietà e alla geometria del solco, fa sì che non solo la scarpa funzioni allo stesso modo in qualsiasi situazione e contesto, ma anche che sia spettacolare per la sua capacità di assorbire le vibrazioni, la sua resistenza e la sua durata.

L’ultimo e forse il più importante punto per ottenere la famosa riduzione degli infortuni è la Heel Clip, uno strato di TPU che circonda il tallone e copre anche il mesopiede.

Tomaia

La tomaia, sebbene abbia molte cose in comune con le Nike Epic React Flyknit 2, presenta anche importanti modifiche.

Senza andare troppo oltre, il Flyknit è abbastanza diverso e l’Infinity Run 2 ha una variante chiamata Flyknit Loft che contrasta in molti modi con l’idea che abbiamo impressa nella mente relativa al Flyknit.

Il Flyknit Loft mescola diversi tipi di fili: quelli normali, che di solito vengono utilizzati in un Flyknit elastico, e quelli rivestiti in TPU, che non sono elastici. Tutto ciò conferisce al Flyknit una sensazione plastica e riduce notevolmente l’elasticità rendendo la tomaia molto più strutturata e resistente.

È interessante notare che l’area della linguetta non ha alcun filo rivestito in TPU e quindi quell’area mantiene l’elasticità che abbiamo sempre visto in un normale Flyknit.

La traspirazione è ottima, la durata è migliorata, la struttura è rinforzata per sostenere il piede (in una scarpa che cerca di ridurre gli infortuni è importante) e i lacci sono ben posizionati con quattro doppi occhielli.

Sul retro della scarpa abbiamo una maglia più fitta e rinforzata che circonda la caviglia.

l motivo per utilizzare questo tipo di Flyknit denso è perché consente a Nike di utilizzare un altro degli elementi importanti, che non è altro che uno Swoosh (logo) massimizzato che si integra con il contrafforte, entrambi realizzati in TPU termosaldato che conferisce una struttura laterale alla zona mediana e alla caviglia, completando così la clip del tallone e controllando la stabilità del calcagno e dell’articolazione.

Pro e contro delle Nike React Infinity Run 2

Pro

L’ammortizzazione delle Nike React Infinity Run Flyknit è spettacolare. Ha un sacco di React in tutta la scarpa che, come puoi immaginare, la renderà una delle scarpe di fascia alta con la migliore sensazione, ritorno di energia e ammortizzazione.

Nike ha specificamente progettato questa scarpa come una moderna scarpa da stabilità per ridurre il tasso di infortuni tra i corridori che hanno una andatura in cui prevale una leggera pronazione.

A differenza delle tradizionali scarpe da stabilità che si basano su un solido strato di schiuma sotto il lato mediale dell’intersuola, le React Infinity Run Flyknit 2 forniscono stabilità in una varietà di modi. Ciò è possibile grazie a:

  • Impronta più ampia per un maggiore contatto con il suolo
  • Guide rinforzate attorno alla base del tallone
  • La schiuma React solida e assorbente.

L’intero sistema è progettato per aiutare gli iperpronatori a mantenere un orientamento neutro del piede senza creare ingombro ai corridori dal passo neutro.

L’aggiunta della tecnologia di chiusura Flyknit migliora davvero la calzata di questa scarpa. Ciò consente una calzata più adattabile e sicura attraverso la metà del piede e attraverso il tallone.

La tomaia è combinata con la linguetta a soffietto imbottita elastica e l’arco alto ed offre davvero una vestibilità avvolgente. 

La versione aggiornata della React Infinity ha meno materiale tra la soletta e l’intersuola e ciò aiuta a creare un’esperienza maggiormente reattiva. La schiuma stessa ha un’altezza maggiore, fornendo una sensazione di estrema morbidezza. 

Contro

I corridori con i piedi piatti potrebbero trovare l’arco un po’ troppo robusto.

L’unico inconveniente della React Infinity 2 è il fatto che è un po’ più pesante di molte scarpe da running da uso quotidiano. Tuttavia, rimane ben bilanciata dal tallone alla punta.

Può diventare un cavallo di battaglia per la maggior parte delle tue esigenze di corsa ma può anche rivelarsi troppo pesante per allenamenti più brevi e veloci e corse lunghe a ritmo sostenuto. Questo è vero soprattutto rispetto alle super scarpe ben ammortizzate e leggere che molti corridori hanno nelle loro scarpiere.

Dovrai quindi lavorare un po’ di più per aumentare il ritmo con questa scarpa. 

Anche i colori della scarpa non sono molto vivaci (se hai seguito le mie recensioni, sai quanto io sia un fan dei colori sgarganti). 

Domande frequenti

A chi sono rivolte le scarpe Nike React Infinity 2

L’identikit potrebbe essere il seguente: runner neutri e pronatori tra 65 kg e 95 kg che cercano una scarpa comoda, stabile e con il giusto ritorno elastico per allenamenti o gare lunghe principalmente su asfalto e in buone condizioni a velocità più lente.

I corridori che apprezzano l’ammortizzazione e hanno bisogno di un tocco di stabilità nelle loro scarpe da allenamento di tutti i giorni adoreranno questa scarpa.

La Nike React Infinity Run Flyknit 2 sarà in grado di gestire sia corse lunghe che corse di recupero con estrema naturalezza. Forniranno una corsa stabile e costante, indipendentemente dal tipo di passo e dell’andatura che i corridori potrebbero avere.

Come con la versione precedente della scarpa, direi che sono più adatte per i principianti o per amatori che cercano una scarpa da allenamento quotidiano. Se sei un runner più esperto probabilmente potrai optare per qualcosa di più elastico e veloce per le corse a tempo.

Come calzano le Nike React Infinity 2

La Nike React Infinity Run Flyknit 2 è un guanto come potrai immaginare guardandola. Si adatta perfettamente al piede ed è molto meno aderente dell’Epic React.

L’avampiede è il punto in cui il cambiamento è più evidente. Non è affatto un modello che può essere considerato spazioso o largo poiché la tomaia è aderente al piede ma ha comunque abbastanza spazio per la maggior parte dei corridori.

La zona centrale è la più stretta in quanto a sensazioni poiché è il punto dove è collocato l’elastico Flyknit sul collo del piede e dove vi è la presenza laterale del Heel Clip. All’inizio è una sensazione un po’ strana e ci vuole un attimo per abituarsi ma tende a passare nel tempo. Tuttavia, se hai un piede largo nella zona centrale, le proverei prima di acquistarle.

Nel tallone abbiamo una larghezza normale.

Quanto costano le Nike React Infinity 2

Il prezzo ufficiale per questa nuova creatura targata Nike è di 160 euro. Se riuscirai a strappare un prezzo leggermente più basso dovrò dartene merito.

Dove comprarle

Potrai acquistare le Nike React Infinity 2 sul sito ufficiale Nike (dove faccio acquisti io stesso) oppure potrai rivolgerti, in alternativa, in uno dei negozi di articoli sportivi e da running della tua città.

Comparativa con scarpe da corsa simili

Nike Infinity Run vs Infinity Run 2

L’intersuola React a tutta lunghezza di Infinity Run risulta invariata nella Infinity Run 2. Anche la suola è esattamente la stessa. Ha una copertura completa dal tallone alla punta con alcuni intagli di flessione ben posizionati nell’avampiede. Torna la forma arrotondata dell’intersuola

Anche il drop di 9 mm del modello originale si ripropone nell’Infinity Run 2.

Nike ha mantenuto un prezzo similare rispetto al modello precedente ma si tratta comunque di una cifra “importante” per una scarpa di questa categoria.

L’Infinity Run 2 ha sempre una tomaia in flyknit ma la parte posteriore della scarpa è ben imbottita. La nuova struttura di allacciatura combinata con il colletto morbido del tallone migliora notevolmente la vestibilità e la tenuta. Entrambe le tomaie sono in Flyknit.

La Infinity Run 2 presenta più imbottitura sulla linguetta e sul colletto.

Quello tra Nike Infinity Run e Infinity Run 2 è un confronto tra due scarpe molto simili con tomaie diverse.

Hanno lo stesso prezzo e hanno la stessa grande ammortizzazione e suola. La vestibilità e il comfort della tomaia costituiscono quindi la grande differenza.

Nike Air Zoom Pegasus 37 VS Infinity Run 2

Entrambi i modelli hanno un peso simile con la stessa schiuma React con la differenza sostanziale che la Infinity Run 2 offre più ammortizzazione con 5 mm in più di suola sotto il tallone.

È una scarpa concepita per offrire più stabilità grazie alla sua base larga ed è quindi più adatta ai pronatori.

La Pegasus 37 è estremamente versatile e adatta a tutti, dai campioni olimpici ai runner novelli fino ai runner neutri in cerca di un prodotto che li accompagni in allenamenti o gare anche a lungo chilometraggio.

Per tutti gli altri corridori sarà meglio provare entrambe le scarpe visto che la scelta sarà dovuta soprattutto ad una questione di preferenze personali.

Conclusione

La struttura che rende la Nike React Infinity Run una scarpa con la quale potremo prevenire gli infortuni fa sì che non sia una scarpa universale anche se, in caso tu non abbia un arco basso, penso che probabilmente sarà fantastica per te.

Ora che Infinity Run Flyknit 2 ha risolto il suo (unico) difetto relativo alla tomaia, può essere considerata una scarpa quotidiana dalle prestazioni elevate.

Date le caratteristiche generali, se dovessi chiedermi di scegliere una scarpa Nike per l’allenamento, probabilmente sceglierei Infinity Run Flyknit 2.

Penso che sia la scarpa più completa della linea running Nike. Ora la tomaia è più comoda e imbottita, ciò che ti aspetti da una calzatura del genere, l’intersuola morbida e ammortizzata per le corse a lunga distanza e la corsa ti apparirà più piacevole.

Ora che ti ho raccontato vita, morte e miracoli della Infinity Run 2 vorrei sapere cosa ne pensi tu di questa calzatura da running.

Lasciami un commento qua sotto.

E ricorda:

Vento sulla faccia,
rock’n’roll nelle orecchie
e chilometri nelle gambe.

Buone corse,
Davide

In breve
  • Comfort
  • Peso percepito
  • Stabilità
  • Design
  • Rapporto qualità-prezzo
4

Summary

Queste scarpe sono l’ideale per i runner neutri e pronatori tra 65 kg e 95 kg che cercano una scarpa comoda, stabile e con il giusto ritorno elastico per allenamenti o gare lunghe principalmente su terraferma e in buone condizioni a velocità più lente.

4 Commenti

    • Ciao Alberto,

      Sebbene entrambe siano dotati di ammortizzazione ad alto stack e tomaia Flyknit e siano destinati all’allenamento quotidiano, non offrono lo stesso livello di supporto.

      La Infinity Run è una scarpa da stabilità progettata per migliorare l’appoggio e prevenire il rischio di infortuni. In quanto tale è più stabile ma la sua ammortizzazione appare più solida e con una minore risposta. A meno che tu non stia cercando esclusivamente un modello di stabilità, Nike ZoomX Invincible Run è chiaramente superiore.

      La Invincible Run è una scarpa da corsa ottima e confortevole che offre massima reattività per l’allenamento quotidiano. La Infinity Run può essere invece definita come una buona scarpa da corsa stabile con un’ammortizzazione generosa e confortevole.

      Un caro saluto,
      Davide

  1. Grazie mille Davide, ne approfitto per un consiglio sulla taglia.
    Premetto che il mio sport è il ciclismo ma uso la corsa per coadiuvare gli allenamenti soprattutto nel periodo invernale. Non mancano mai gli allenamenti di corsa anche negli altri periodi dell’anno.
    Ho sempre acquistato la taglia “giusta” ovvero con pochissimo spazio tra punta e fine. Mi chiedevo se acquistare una mezza taglia in più sia consigliato. Con mezza taglia in più mi rendo conto che ho circa 5-8mm di spazio tra la punta del piede e la fine della scarpa.
    Ti ringrazio anticipatamente.
    Alberto

    • Ciao Alberto,

      Avere un pò di spazio davanti è sempre meglio soprattutto quando si percorrono un pò di km. Quindi si, stai tranquillo e prendila un pò più comoda!

      Un abbraccio,
      Davide

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome