Bentornato sul mio blog!

Se passi da queste parti per la prima volta ci tengo a presentarmi: mi chiamo  Davide Ferro e sono un ex runner professionista.

Ora continuo a coltivare la mia passione occupandomi di scarpe da corsa!

Se sei curioso di conoscere i segreti e le caratteristiche del modello Adidas Adizero Adios 4, leggi quest’articolo!

Buona lettura!

 

 

Adidas Adizero Adios 4: Recensione

Molto simile alla precedente versione, Adidas Adios Boost 4 è stata progettata per le gare e gli allenamenti veloci.

I miglioramenti alla vestibilità, rispetto alle versioni precedenti, rendono la scarpa più confortevole e al contempo mantengono l’intersuola Boost orientata alle prestazioni.

 

Adidas Adizero Adios 4:caratteristiche generali

Prima che il mondo delle corse si focalizzasse sulle maratone sotto alle 2 ore, Adidas Adizero Adios è stata la scarpa che ha battuto ogni record.

Adizero Adios 3 era infatti conosciuta come la scarpa che deteneva il record mondiale in maratona.

Leggera, piena di schiuma BOOST, con un peso leggero e una tomaia attillata, Adios 3 è sempre stata un punto di riferimento per i corridori alla ricerca di una scarpa da corsa orientata alle prestazioni.

In questo modello sono molto rilevanti le piccole modifiche alla tomaia, che si posizionano su un’intersuola e su una suola molto simili e che regalano al piede una sensazione più confortevole rispetto al modello precedente.

Quando ho ricevuto le Adios 4 e le ho tirate fuori dalla scatola, le scarpe sembravano molto simili alla versione precedente.

Leggere e dall’aspetto semplice, con la stessa intersuola e suola; le ho immediatamente  indossate per scoprire come si sarebbe adattata la nuova tomaia al mio piede.

Avendo ancora a disposizione le Adios 3 le  ho poi confrontate, e ho notato che le Adios 4 sono sicuramente più comode nella parte centrale del piede.

 

Adidas Adizero Adios 4: Suola

Adidas Adizero Adios 4 recensione

Tutte le indicazioni facevano pensare che le Adios 4 fossero costruite con la stessa suola esterna e intersuola della versione precedente.

Posso confermare che la suola è la stessa, compresi:

  • la gomma Continental che garantisce una grande resistenza e trazione
  • l’inserto in plastica nella parte centrale del piede, importante per la stabilità e la reattività
  • la gomma Adiwear nel tallone che garantisce una maggiore durata.

L’intersuola è composta da materiale in schiuma BOOST, che dona una sensazione di  leggerezza e reattività e da inserti di plastica che danno stabilità al tallone,  esattamente come l’Adios 3.

 

Adidas Adizero Adios 4: tomaia

Adidas Adizero Adios 4 caratteristiche

Il più grande cambiamento di Adios 4 rispetto alla terza versione è nella tomaia.

La Adios 3 era costituita da una rete sottile traspirante con materiale di rinforzo in pelle scamosciata e linguetta, che era collegata alla base e mantenuta in posizione dai lacci.

La tomaia della Adios 4 è composta da un rivestimento più spesso, ancora traspirante.

Alla base dei lacci sono presenti solo inserti in pelle scamosciata, che avvolgono il piede attraverso il primo occhiello.

Il tallone della scarpa è più rigido rispetto alla versione precedente e le strisce Adidas sono in uno stile sintetico più moderno, in contrasto con il look “ritorno al passato” che aveva la precedente versione.

Un altro piccolo cambiamento risiede nella presenza di un occhiello aggiuntivo utilizzato per l’allacciatura, che probabilmente la maggior parte dei corridori non userà, poiché Adios 4 calza molto stretta.

La linguetta dell’Adios 4 è cucita sulla tomaia sia alla base che nella zona mediale,  per impedire che scivoli durante la corsa.

 

Caratteristiche tecniche

  • Marca: Adidas
  • Tipologia: Stabili
  • Drop: 10mm
  • Famiglia: Adizero Tempo
  • Peso: 224 gr.
  • Versione precedente: Adidas Adios Boost 3

 

Pro e contro della scarpa Adidas Adizero Adios 4

Pro Contro
Leggera e flessibile Grande aderenza, può risultare eccessiva per chi ha i piedi grandi
Durevole Colorazioni limitate
Tomaia aggiornata rispetto alla versione precedente

 

 

A chi è rivolta Adidas Adizero Adios 4

L’Adidas Adios Boost 4 è ideale per qualunque tipo di corridore alla ricerca di una scarpa da gara leggera in grado di sopportare qualsiasi allenamento.

È ottima anche per le gare a lunga distanza (come mezze maratone o maratone) a patto che non si abbia bisogno di una grande ammortizzazione.

 

 

Adidas Adizero Adios 4: recensioni

Cosa ne pensa chi possiede già la Adidas Adizero Adios 4?

Qui abbiamo raccolto le opinioni di chi l’ha provata.

 

 

Conclusioni

Adidas Adizero Adios 4 rappresenta il miglioramento di una scarpa già sorprendente,  ed è chiaro che durante la progettazione della Adios 4, Adidas volesse mantenere ciò che ha funzionato bene nella terza versione.

Le maggiori critiche alla versione precedente erano la rigidità della scarpa e il peso leggermente eccessivo.

Il peso dell’Adios è rimasto invariato, anche se devo dire che non ho mai notato il peso eccessivo in nessuna delle due versioni. Mi sono sembrate entrambe leggere e veloci.

Per quanto riguarda le modifiche alla punta, la maggior parte dei corridori non noterà alcuna differenza.

Uno dei pensieri negativi del modello precedente era il prezzo.

Credo fermamente che le migliori due scarpe da maratona sul mercato siano l’Adidas Adizero Adios 4 e il già menzionato Nike Vaporfly 4%

Ora arriva la domanda:

Sto correndo una maratona e voglio la migliore scarpa possibile per gareggiare. Quale delle due dovrei scegliere?

Parlando in modo molto trasparente e diretto, l’Adios 4 è molto più economica.

Il materiale Boost continuerà a sentirsi a proprio agio per chilometri e chilometri.

Inoltre, l’Adios 4 può essere utilizzata per allenamenti lunghi, mentre la Vaporfly non è altrettanto resistente.

Nel complesso, Adios 4 si basa su una scarpa già sorprendente, migliorando alcuni dei difetti che aveva la versione precedente.

Ciò rende Adidas Adizero Adios una delle migliori scarpe da corsa su asfalto, presenti sul mercato.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here