Quando le persone pensano a delle scarpe da running neutre con una grande ammortizzazione, ci sono alcuni nomi che vengono in mente immediatamente: Asics Nimbus, Saucony Triumph, Nike Vomero, Adidas Ultra Boost e Brooks Glycerin.

Ognuna di queste aziende ha fatto uscire diverse edizioni di queste scarpe, mantenendo le caratteristiche che le hanno rese famose e migliorando tutto ciò che c’era da migliorare.

Le Brooks Glycerin si sono evolute nel corso degli anni, ma sono sempre state al passo coi tempi e non hanno mai deluso le aspettative.

Scopriamo insieme le scarpe da running Brooks Glycerin 16.

 

ATTENZIONE: È uscita la nuova versione di queste scarpe: dai un’occhiata alla mia recensione delle Brooks Glycerin 17!

 

 

Brooks Glyceryn 16: Recensione

 

Brooks Glycerin 16: caratteristiche generali

Le Brooks Glycerin 16 sono le scarpe da running neutre Brooks per eccellenza.

Sono le top di gamma della casa statunitense ed è impossibile fare una gara senza vedere nemmeno un runner con queste scarpe ai piedi.

Nel 2013, ad esempio, mi avresti sorpreso a correre i miei lunghi pre-maratona con le Glycerin 11 (ero innamorato della versione arancione e argento brillante).

Il modello Glycerin 16 fa concorrenza alle altre scarpe neutre con massimo ammortizzamento: Nimbus, Triumph, Vomero e Ultra Boost.

Sono tutti nella stessa fascia di prezzo, quindi può essere difficile decidere di acquistarne un paio piuttosto che un altro.

In questo caso, ho corso con le Triumph e con le Vomero, e devo ammettere che le Glycerin e le Triumph sono secondo me le migliori di questa lista.

Appena ho aperto la scatola, sono rimasto ammaliato dal nuovo look della suola e dalla tomaia nera e arancione molto pulita.

Quando le ho indossate la prima volta, sono rimasto colpito dalla grande quantità di ammortizzazione della suola e dalla loro leggerezza.

 

Brooks Glycerin 16: Suola

Brooks Glycerin 16 Recensione

La nuova unità suola + intersuola di questa scarpa offre lo stesso livello di ammortizzamento dell’edizione precedente, ma ha un peso decisamente inferiore.

L’intersuola della scarpa è composta dalla famosa schiumaDNA Loft brevettata da Brooks, ma con una formula leggermente diversa dalla versione precedente.

Questa schiuma è più morbida e leggera ma mantiene la stessa reattività e durabilità.

Nell’intersuola, Brooks continua a utilizzare delle scanalature al fine di aumentare la flessibilità e garantire una grande reattività.

In questo caso la Glycerin è una scarpa da running massimo ammortizzamento che non dà l’idea e la sensazione di essere goffa; al contrario, sembra essere connessa al terreno e nello stesso tempo a dare una mano nella spinta.

La suola utilizza HPR Plus: un materiale in gomma altamente abrasivo che aumenta la durabilità e aiuta ad assorbire l’impatto del tallone che tocca terra.

Brooks utilizza una suola in gomma soffiata per l’avampiede: un materiale durevole, leggero e flessibile. In combinazione con il materiale dell’intersuola, consente alla Glycerin 16 di essere definita una scarpa a massimo ammortizzamento e flessibile nello stesso tempo.

Ma non è tutto rose e fiori, e anche la Glycerin 16 ha i suoi difetti.

L’unico che ho potuto constatare, è stato il fatto che la soletta si muovesse leggermente quando si formava parecchia umidità all’interno della scarpa (soprattutto in giornate di pioggia), creando uno spazio tra l’alluce e la punta della scarpa.

Te la caverai con un po’ di rossore, però ti assicuro che non è un’esperienza del tutto gradevole.

 

Brooks Glycerin 16: la tomaia

Scarpe Running Brooks Glycerin 16

Il tallone aderisce bene ma non è troppo stretto e il metatarso ha il giusto supporto.

La nuova tomaia della scarpa include una parte in mesh che garantisce una buona ventilazione e l’utilizzo di sovrapposizioni stampate in 3D per sostenere il piede durante la corsa.

Cosa significa esattamente?

Beh, Brooks continua a utilizzare una maglia a doppio strato per consentire la traspirazione, mantenere lo sporco fuori dalla scarpa e offre un piccolo sostegno.

Tuttavia, il vero supporto proviene dalle sovrapposizioni stampate in 3D che aggiungono un tocco di rigidità alla scarpa e tengono il tuo piede bloccato all’interno.

Il grande vantaggio di questo design è che la scarpa è traspirante, flessibile e nello stesso tempo anche di supporto.

Ciò significa che è comoda sia per coloro che corrono senza calze che per coloro che le indossano.

Oltre a tutto questo, la parte della tomaia che preferisco è indubbiamente la linguetta morbida.

Mi sembra che spesso le aziende di scarpe trascurino la linguetta delle loro scarpe ma è proprio lì che si può sviluppare un’eventuale irritazione durante le corse più lunghe.

In questo caso, la linguetta è quasi invisibile ma avvolge comodamente sia il piede che la caviglia. Molto bella!

E gli aspetti negativi?

Beh, c’è da dire che i materiali utilizzati sono molto assorbenti e mantengono l’umidità all’interno della scarpa che rimane bagnata dopo le corse più lunghe.

C’è stata una volta in cui ho indossato le Glycerin per una mezza maratona e dopo averle messe nell’armadio ancora bagnate (lo so, avrei dovuto lasciarle all’aria aperta 🙂 ) sono rimaste umide per circa due giorni.

Questo non è un problema dato che succede con la maggior parte delle scarpe da running. Però l’ho notato particolarmente in queste scarpe e mi ha dato un po’ di fastidio.

 

Pro e contro della scarpa Brooks Glycerin 16

Pro Contro
Grande ammortizzazione La soletta si sposta leggermente quando si forma parecchia umidità all’interno della scarpa
Buona flessibilità Impiega molto tempo ad asciugarsi se si bagna o si inumidisce troppo
Grande trazione
Traspirante
Comoda

 

A chi è rivolta la Brooks Glycerin 16

Questa scarpa è per qualsiasi runner neutro che ha intenzione di correre per parecchi chilometri (dai 10km alle maratone).

È una grande opzione anche per i runner più pesanti (oltre ai 90kg), per i principianti, e per coloro che hanno bisogno del massimo ammortizzamento.

 

 

Brooks Glycerin 16 recensioni

Cosa ne pensa chi possiede già la Brooks Glycerin 16?

Qui abbiamo raccolto le opinioni di chi l’ha provata.

Sono affezionato utilizzatore della serie glycerin sino dalla 12….anche questo modello non delude: comode per le lunghe distanze e reattive quanto basta a sostegno di un runner pesantino e diversamente veloce.

Brooks Glycerin 16: prezzo

Il prezzo della Brooks Glycerin 16 è più alto rispetto alla maggior parte delle scarpe da running, ma c’è un perchè.

È una scarpa versatile, con massimo ammortizzamento e durevole.

Secondo me il rapporto qualità/prezzo è ottimo.

 

Brooks Glycerin 16: Conclusioni

La Brooks Glycerin è una delle scarpe più amate dai runner di tutto il mondo, e c’è una ragione.

La combinazione di ammortizzamento, supporto e reattività si traduce in una scarpa che è praticamente perfetta.

Oltre a queste sue caratteristiche, devo ammettere che è estremamente ben fatta.

Tieni ben presente che ho corso per oltre 200km prima di scrivere questa recensione, e se ti mostrassi le scarpe oggi, probabilmente non ti accorgeresti nemmeno che sono usate.

La gomma non ha ancora mostrato segni di usura. La tomaia non si è nè piegata nè strappata da nessuna parte. E l’unica cosa che potrebbe farti accorgere dell’usura, sono i lacci leggermente rovinati.

Stai per spendere circa 150€ per un paio di scarpe da corsa, è vero, ma devi tenere in considerazione che si sta parlando delle scarpe top di gamma che hanno una durata di oltre 500km, mica poco!

Se stai cercando un paio di scarpe running per i tuoi lunghi allenamenti o se ti stai affacciando al mondo della corsa per la prima volta, la Glycerin è la scarpa che fa per te.

Sono così popolari e apprezzate per una ragione. Devo dire che le consiglierei a chiunque.

 

 

IN BREVE
Comfort
9
Design
8
Peso
9
Stabilità
9
Rapporto qualità/prezzo
8
Articolo precedenteAsics Fuzex Rush: Recensione Completa con Opinioni e Prezzo
Articolo successivoBrooks Ghost 11: Recensione Completa con Prezzi e Opinioni (2019)
Sono nato a Genova e ci vivo ancora. Prima di passare le giornate davanti allo schermo del PC correvo per professione, mentre oggi lo faccio per passione. Ho lavorato per oltre 5 anni in un negozio di running e ho imparato tutto quello che c'è da sapere sul mondo delle scarpe da corsa. Ho creato questo blog per condividerlo con te.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here