Quando la gente pensa a delle scarpe running neutre ammortizzate, la lista è ampia. Ma ce ne sono alcune che saltano subito in mente: Saucony Ride, Nike Pegasus, Mizuno Wave RiderAsics Cumulus e Brooks Ghost.

Tutte queste scarpe hanno fatto compiuto almeno il 10° compleanno, rinnovandosi anno dopo anno e dimostrando sempre di essere scarpe di alta qualità.

Ho appena finito di testare le Brooks Ghost 11; erano mesi che volevo testarle dato che sono sempre state tra le mie preferite, soprattutto le versioni 9 e 10.

Ero anche spaventato, perchè avevo paura che Brooks avesse cambiato troppo, e scombinato quelle che erano le caratteristiche chiave che hanno reso famosa la scarpa.

Grazie al cielo (in questo caso bisognerebbe dire “Grazie a Brooks“) così non è stato.

Scopriamo insieme la Brooks Ghost 11.

 

ATTENZIONE: È uscita la nuova versione di queste scarpe: dai un’occhiata alla mia recensione delle Brooks Ghost 12.

 

 

Brooks Ghost 11 Recensione

 

Brooks Ghost 11: caratteristiche generali

La Ghost è una delle scarpe neutre per eccellenza. È affidabile e con una buona ammortizzazione, che permette di correre la maggior parte delle distanze rimanendo comunque leggera e reattiva per aiutarti ad aumentare il ritmo.

Questa scarpa è la top di gamma Brooks insieme alla Glycerin, ed è disponibile a un prezzo che si aggira intorno ai 120€ (contro i 150€ circa delle Glycerin).

Le “competitor” dirette sono le Saucony Ride, ASICS Cumulus e Nike Pegasus. Tutte e quattro le scarpe hanno lo stesso prezzo e offrono tecnologie diverse per ogni tipologia di runner.

Quando sono arrivate queste scarpe, sono rimasto impressionato dall’aspetto completamente riprogettato. La tomaia è attraente e la nuova suola sembra elegante.

Le ho indossate subito per un giorno intero, prima per allenarmi e poi per camminare e si sono dimostrate fantastiche già dal primo istante.

 

Brooks Ghost 11: la suola

Brooks ghost 11 caratteristiche

La Brooks Ghost 11 presenta ora una unità inferiore. Puoi dire addio allo strato completamente pieno di schiuma DNA, da oggi Brooks ha aggiunto la nuova schiuma Loft sotto il tallone, più morbida e reattiva rispetto alla DNA.

Il resto dell’intersuola utilizza il materiale originale DNA, che offre una corsa ammortizzata e reattiva.

Tuttavia, la sensazione che ho provato quest’anno è come se avessero ridotto la quantità di ammortizzazione dato che la scarpa mi è sembrata molto più solida rispetto agli ultimi due modelli.

Ciò significa che la corse è più reattiva e puoi facilmente aumentare la velocità. Tuttavia, significa anche che diventa più faticoso mantenere una buona velocità costante nelle gare più lunghe.

L’intersuola è scanalata e presenta un crash pad segmentato per offrire flessibilità e adattarsi alla tua andatura. Questo fa davvero effetto appena aumenti il ritmo e inizi a testare la reattività della scarpa.

La suola è composta ancora da un materiale in gomma con un sacco di trazione e durata. Tuttavia, il modello di quest’anno non ha molta aderenza come negli anni passati. Questo è in realtà una caratteristica positiva per i miei gusti.

In passato la presa sul terreno era così forte che a volte mi sembrava che si affaticassero le ginocchia. Quest’anno, invece, la presa è più moderata, ma in grado di gestire alla grande superfici più disparate come asfalto, sterrato e terreni bagnati.

 

Brooks Ghost 11: la tomaia

Brooks ghost 11 recensione

La tomaia riprogettata utilizza nuovi materiali mantenendo nello stesso tempo la traspirabilità prevista nei modelli precedenti.

La tomaia offre uno strato doppio e senza cuciture di mesh ingegnerizzata che lascia entrare l’aria pur mantenendo lo sporco all’esterno.

La tomaia si adatta perfettamente alla taglia in lunghezza (la mia misura 43 vestiva perfettamente), ma stringe leggermente la parte centrale del piede.

La tomaia è leggermente più stretta rispetto ai modelli 9 o 10, e questo si avverte principalmente nella punta delle dita.

Il lato negativo della tomaia è la mancanza della struttura superiore presente nei modelli precedenti che aiuta mantenere il piede bloccato durante la corsa.

 

Pro e contro della scarpa Brooks Ghost 11

Pro Contro
Buona ammortizzazione La punta è stretta
Traspirante Non morbida come i modelli precedenti
Buona trazione Nella tomaia manca un po’ di struttura
Buona qualità prezzo
Comoda

 

 

A chi è rivolta la Brooks Ghost 11

Questa scarpa è ideale per ogni tipologia di runner e per ogni distanza (l’ho inserita infatti nella lista delle migliori scarpe per maratona).

Anche se con la nuova suola, i corridori più pesanti potrebbero aver bisogno di un po’ di ammortizzazione in più (in questo caso, dai un’occhiata alla Brooks Glycerin).

 

 

Brooks Ghost 11: opinioni

Cosa ne pensa chi possiede già la Brooks Ghost 11?

Qui abbiamo raccolto qualche opinione di chi l’ha provata.

La Ghost sempre una certezza.
Un pò più leggera a sensazione rispetto ai precedenti modelli.
Assoluto confort e comunque buona ammortizzazione.
Rispetto a modello Glycerin veste una meZZa taglia in meno.
Infine molto molto bella!

 

Brooks Ghost 11: prezzo

Il prezzo della Brooks Ghost 11 è buono e giustificato dalla qualità costruttiva e dalla durabilità dei materiali.

È una scarpa versatile, con buon ammortizzamento e durevole.

Secondo me il rapporto qualità/prezzo è abbastanza buono.

 

Brooks Ghost 11: Conclusioni

Alla fine, le Ghost sono scarpe molto solide ma, secondo me, non all’altezza delle versioni 9 e 10.

Ho corso almeno 500 km con i due modelli precedenti e ho dato a entrambi un voto di 10 su 10; pensavo che quest’ultima versione rispettasse le aspettative: devo dire che non le ha deluse, ma mi aspettavo qualcosa di più.

Brooks ha preso la decisione di applicare alla scarpa le nuove tecnologie.

Talvolta questo può essere un successo (vedi le Saucony ISO), ma a volte no. In questo caso, il redesign non mi ha entusiasmato.

Meno ammortizzazione, vestibilità più stretta, meno struttura sulla tomaia.

Detto questo, questa scarpa rimane ancora una delle migliori scarpe da running sul mercato. È reattiva e assorbe gli urti anche su lunghe distanze.

Anche se non è da 10/10 come i modelli precedenti, è comunque una scarpa fantastica.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here