Hoka Rincon 2: una scarpa semplice, lineare, essenziale e che bada al sodo.

È uscita sul mercato la sorella maggiore della tanto amata Rincon e non vedevo l’ora di provarla per te.

Dopo avervi parlato a lungo delle Clifton di casa Hoka è ora di dedicarmi alle Rincon 2. Che poi possono essere definite come delle Clifton più veloci. Lo so, questa definizione è estremamente riduttiva e il mio pubblico è assai esigente.

Andiamo a vedere nel dettaglio tutto ciò che c’è da sapere su questa scarpa da running.

HOKA continua a sfidare sé stessa e a sorprendere: Rincon 2 è abbastanza leggera e veloce per essere una calzatura dalle prestazioni energiche ma ha abbastanza ammortizzazione per essere una scarpa da corsa lunga o anche una comapagna fedele per i tuoi allenamenti quotidiani.

Dopo aver provato diversi modelli posso affermare che la versatilità è una prerogativa di questo brand.

Davide Ferro, ovvero il sottoscritto, ha provato queste scarpe per te macinando oltre 100 km ed è pronto a recensirle per filo e per segno.

Se stai diventando un fan delle Hoka, ti capisco benissimo.

Se non le conosci, sei ancora in tempo per provarle.

Se invece le conosci ma non le hai ancora provate corri a colmare questa lacuna.

Test delle scarpe da corsa Hoka Rincon 2

Se ti è piaciuta la prima Rincon, non potrai non farti piacere il sequel date le poche modifiche rispetto al modello base.

Nel complesso, questa è una scarpa davvero solida e adoro il fatto che Hoka non l’abbia stravolta con i cambiamenti e abbia mantenuto un modello abbastanza simile all’originario. Un po’ quello che ha fatto anche con il passaggio dalla Clifton 6 alla 7. Molte aziende distruggono ciò che le persone amano nel tentativo di rimanere aggiornati e tecnologicamente sul pezzo e invece Hoka ha capito che non ha senso stravolgere ciò che la gente ha imparato ad amare ed apprezzare.

La prima sensazione, una volta aperta la scatola è “wow ma questa scarpa è leggerissima“. Diamo ad Hoka quel che è di Hoka.

La cosa interessante della Rincon 2 è costituita dalla facilità nel correre con un’ampia varietà di ritmi consentendo una corsa fluida e facile.

Il drop di 5 mm e il peso di soli 218 g (addirittura 185 per il modello femminile) le rende attraenti per qualsiasi corridore che cerca velocità e ammortizzazione durante la corsa.

Credo che siano l’ideale per corridori dal peso leggero o medio e che non siano eccessivamente adatte ai runner troppo pesanti. Ti consente di dare il meglio sulla lunga distanza e, personalmente, ho calcolato un tempo tra i 4 e i 5 minuti per km.

Caratteristiche tecniche

  • MarchioHoka One One
  • Modello: Rincon 2
  • Tipologia: Ammortizzate
  • Peso: 218 gr uomo, 185 gr donna
  • Drop: 5 mm
  • Famiglia: Rincon
  • Modello precedente: Hoka Rincon

Caratteristiche generali

Questa è la scarpa che garantirà ai tuoi piedi benessere sulla strada e ancor più benessere mentre aumenti leggermente il ritmo.

Con una calzata leggermente più ampia rispetto a prima offrendo la stessa intelaiatura leggera, la HOKA Rincon 2 è una scarpa da allenamento o da corsa veloce che racchiude una marea di ammortizzazione per quando hai intenzione di correre a lungo.

Tutto è finalizzato alla leggerezza in questa scarpa da running. Anche malgrado la schiuma a vista che mostra precoci segni di usura, pensiamo che valga la pena fare un compromesso tra peso minimo e velocità massima, soprattutto se si hanno più paia di scarpe da alternare nella corsa.

Ho imparato ad amare anche la sua tomaia minimalista: c’è tutto ciò che serve per una corsa fluida e veloce e nulla più di ciò che è necessario.

Suola

Lampia suola rimane invariata rispetto al modello precedente con un mix di schiuma a vista e segmenti di gomma al carbonio nei punti chiave per fornire una maggiore durata e trazione nelle aree ad alta usura. Questa suola molto spaziosa consente il massimo contatto con il terreno e un tocco di stabilità intrinseca. 

Il motivo per cui Hoka One One ha deciso di risparmiare sul materiale durevole della suola può sicuramente essere ricondotto al desiderio di progettare una scarpa incredibilmente leggera. E ci è riuscita: 218 grammi per il modello maschile e addirittura 185 grammi per quello femminile.

La schiuma tenderà ad apparire consumata dopo pochi chilometri e i motivi sulla suola tenderanno ad apparire sbiaditi ma ciò non influirà nel breve termine sulle prestazioni offerte dalle tue Rincon 2. Dopo un po’ di chilometri, però, la tua calzatura potrebbe risentirne.

Dato che si tratta di una scarpa leggera probabilmente non durerà tantissimi chilometri come alcune delle scarpe da ginnastica giornaliere offerte da Hoka One One, penso ad esempio ai modelli della Bondi e della Clifton con cui potrai percorrere più di 1000 chilometri. La Rincon 2 ti fornirà quindi meno chilometri ma leggeri e fantastici.

Intersuola

Riguardo all’intersuola, Rincon 2 ha mantenuto intatte tutte le caratteristiche del modello base.

Nella mia mente ci sono tre ampie categorie di intersuola: schiumose (leggere e compressive), gommose (dense e resistenti) o boost (dense ma elastiche). La Rincon 2 rientra esattamente nel campo schiumoso.

L’intersuola non fa molto lavoro extra oltre a fornire un sacco di protezione pur essendo davvero leggera. L’ammortizzazione è più solida della Clifton OG ma è, allo stesso tempo, un po’ più morbida della Clifton 6.

Il peso leggerissimo di questa scarpa, combinato con l’incredibile comfort, mette in risalto la tecnologia Meta-Rocker di Hoka, usata in diverse tipologie di scarpe. Grazie alla Meta-Rocker, il piede scivola dal tallone alla punta della scarpa consentendo di atterrare sull’avampiede prima di slanciarsi da terra con un grande stacco. 

L’intersuola massimalista è una caratteristica distintiva delle scarpe da corsa HOKA e i designer hanno fornito alla Rincon 2 una leggera schiuma EVA per rendere la scarpa morbida ed elastica senza apparire lenta e pesante.

Tomaia

Una tomaia in mesh ingegnerizzato a strato singolo copre la scarpa, offre maggiore sicurezza lungo la parte centrale del piede e una migliore traspirazione sull’avampiede. La rete monopezzo avvolge il tutto, dalla parte anteriore della scarpa fino alla parte posteriore. C’è solo una cucitura lungo il tallone in cui Hoka ha unito insieme le due estremità.

Hoka ha utilizzato una leggera sovrapposizione stampata all’esterno che aggiunge un po’ di struttura al mesopiede senza aggiungere peso in eccesso e ci sono alcuni supporti saldati all’interno della scarpa per bloccare bene la calzata.

Oltre alla tomaia, Hoka One One ha disegnato la linguetta in modo da renderla invisibile. E’ infatti molto sottile e fornisce una quantità molto leggera di imbottitura sulla parte superiore del piede senza togliere quella sensazione aerodinamica alla scarpa.

Hoka ha mantenuto l’asola in stoffa sul tallone per renderla più facile da indossare.

Il materiale è morbido e confortevole e la scarpa non è particolarmente calda. I lacci sono composti da un bel materiale elastico e rimangono tesi.

Pro e contro delle Hoka Rincon 2

Pro

La Rincon 2 è morbida, fluida ed energica e garantisce una buona ammortizzazione in ogni falcata grazie all’intersuola in EVA a compressione totale. 

La tomaia in mesh ingegnerizzato a strato singolo è stata aggiornata per tenere bloccato il piede nella parte centrale del piede e migliorare la stabilità e la traspirabilità. Questa tomaia dà alla calzatura una vestibilità più orientata alle prestazioni e aggiunge una sensazione di divertimento e velocità.

La Rincon 2 si può collocare tra la morbidissima Clifton 7 e la Carbon X nella linea Hoka. Tutte e tre sono ottime scarpe per correre una mezza maratona o una maratona anche se la Rincon 2 offre una miscela di morbidezza e reattività ad un prezzo decisamente inferiore rispetto ai competitors.

Contro

L’intersuola si porta appresso i problemi che aveva già la prima Rincon. Le zone esposte si usurano velocemente dopo qualche centinaio di chilometri e possono renderla esteticamente brutta da vedere.

L’intersuola usurata perde, inoltre, l’ammortizzazione e la reattività, due delle caratteristiche principali che ci fanno amare la Rincon 2.

Domande frequenti

A chi sono rivolte le Hoka Rincon 2

Probabilmente consiglierei questa scarpa ai principianti o a chi pratica jogging in maniera occasionale. Ha una piattaforma più ampia in termini di suola che offre un atterraggio e uno stacco “tolleranti” e, di conseguenza, non pone alcun requisito sulla tua tecnica di corsa. Tuttavia, poiché non è la scarpa da running più stabile, sarà difficile correre sulle distanze più lunghe quando le gambe iniziano a stancarsi e diventa più difficile mantenere lo stesso buono stile di corsa.

Nonostante ciò, i corridori più esperti che hanno un migliore controllo sulla loro tecnica di corsa, saranno in grado di utilizzare la Rincon 2 sia come scarpa da cronometro che come calzatura per l’allenamento quotidiano. Se riesci a controllare la tua tecnica sulle lunghe distanze, la stabilità diventerà meno importante e potrai scegliere di affidarti totalmente alla leggerezza e al comfort. 

Come calzano le Hoka Rincon 2

L’adattamento al piede della Rincon 2 è abbastanza normale, forse leggermente stretto. Se avessi usato dei calzettoni troppo spessi forse mi avrebbe fatto male la parte esterna dell’avampiede ma, tuttavia, indossando spesso dei calzini sottili, la calzata delle scarpe risulta per me perfetta.

Anche se c’è molto spazio per le dita dei piedi, nel Rincon 2 non c’è tessuto eccessivo sulla tomaia e non si creano pieghe sull’avampiede. 

La linguetta della scarpa della Rincon 2 è separata dal resto della tomaia. A mio parere, questo è un vantaggio, poiché rende più facile regolare la scarpa per adattarla perfettamente alla caviglia.

Anche il tallone dell’Hoka One One Rincon 2 è relativamente stabile. Ho sentito un supporto avvolgente e leggero intorno al piede.

Quanto costano le Hoka Rincon 2

Le Hoka Rincon 2 hanno un prezzo ufficiale che si aggira intorno ai 120 euro, ben più basso della maggior parte dei competitors con caratteristiche simili.

Il prezzo può variare in base alla scarpa maschile oppure femminile, alla misura e alla colorazione.

Dove acquistarle?

Il mio consiglio è di acquistarle su Amazon, il sito di e-commerce più famoso e più affidabile del mondo. Lì si possono trovare a partire da un prezzo di 100 euro fino ad arrivare intorno ai 130.

Potrai scegliere la tua colorazione preferita, selezionare il tuo numero e le tue Rincon 2 arriveranno comodamente a casa vostra senza alcuno sforzo.

Comparativa con scarpe da corsa simili

Hoka Rincon 2 vs Hoka Rincon

Non vedrai molte differenze importanti quando andrai a confrontare Hoka Rincon e Hoka Rincon 2, il che non è necessariamente una cosa negativa. L’originale Rincon ha fatto breccia nel mondo del running grazie alla sua leggerezza e all’enorme cuscinetto Hoka e la seconda edizione non si discosta di tanto dalla prima.

Per paura di distruggere qualcosa di buono, l’unico vero aggiornamento apportato è la tomaia con mesh ingegnerizzato che sostituisce il mesh a strato singolo. Ciò garantisce una vestibilità sicura ma non restrittiva. La vestibilità era già ottima già prima e ora Hoka ha fornito una guida confortevole per ore.

Dalla linguetta del tallone alla suola in gomma, il 2 è fondamentalmente un remake di successo con un piccolo ritocco sulla tomaia dove il marchio francese ha aggiunto alcune sovrapposizioni sui lati per un’estetica maggiormente orientata verso la competizione. Con una corsa elastica e una morbida intersuola in EVA, è una scarpa su cui puoi contare sia per l’allenamento quotidiano che per le maratone.

Hoka Rincon 2 VS Nike Pegasus Turbo 2

Questa è una sfida tra pesi piuma.

Se ti è piaciuta la Pegasus Turbo 2 penso che allora potresti scegliere senza problemi la Rincon 2. Per quanto mi sia piaciuta la Turbo 2, trovo che la vestibilità della Rincon 2 sia molto più accomodante.

La Pegasus, pur avendo tutte le caratteristiche della Rincon come leggerezza e agilità cui aggiunge però la leggera ammortizzazione in schiuma Nike Zoom X, ha però un costo decisamente più elevato.

Anche il drop cambia parecchio: 10 mm per la scarpa di casa Nike contro i 5 della Hoka One One.

In termini di valore assoluto forse, per un rapporto qualità-prezzo, tenderei a propendere per la Rincon 2 anche se il problema della schiuma presente in piccola quantità e che si usura velocemente, è un problema non da poco.

Hoka Rincon 2 VS Saucony Endorphin Speed

L’Endorphin Speed ​​ha una piastra in carbonio e sembra un po’ più compatta rispetto alla Rincon.

Se le avessi entrambe molto probabilmente correrei con le Endorphin Speed ​​e mi allenerei con le Rincon 2. Non sono uguali in termini di sensazione o destinazione d’uso ma hanno pressoché lo stesso peso. Darò il vantaggio in termini di durata alla Speed che, però, mi appare troppo aggressiva per il mio allenamento quotidiano.

È più facile correre con la Rincon e coloro che non vogliono alternare più paia di scarpe si troveranno probabilmente meglio con le Hoka piuttosto che con le Saucony, soprattutto per gli allenamenti.

Conclusione

La Rincon 2 è una buona scarpa e Hoka fa sempre un ottimo lavoro nell’offrire calzature da running con lievi modifiche rispetto ai modelli precedenti, senza però snaturarle per soddisfare le esigenze dei consumatori.

Hoka ha fatto quasi tutto il possibile per mantenere basso il peso: tomaia mono-strato, linguetta sottile e zone strategiche di gomma sotto la suola. Anche con la schiuma a vista che mostrerà presto segni di usura, pensiamo che valga la pena raggiungere un compromesso tra peso minimo e velocità massima.

Con una calzata leggermente più ampia rispetto a prima e la stessa sensazione di leggerezza, la Hoka Rincon 2 è una scarpa da allenamento o da corsa veloce che racchiude tonnellate di ammortizzazione per uso abbastanza frequente e intensivo.

I corridori che apprezzano una scarpa da allenamento leggera, energica, neutra e senza un supporto eccessivo, la adoreranno.

Inoltre, questo modello è molto versatile e può rappresentare un’ottima soluzione anche come scarpa da corsa per percorrere distanze da 5K fino alla maratona.

Penso di averti detto tutto al riguardo e di averti dato sufficienti informazioni sulla Hoka Rincon 2. Spero di averti incuriosito quel tanto che basta per indurti a provarla e a farmi sapere la tua.

Lasciami un commento qui sotto.

E ricorda:

Vento sulla faccia,
rock’n’roll nelle orecchie
e chilometri nelle gambe.

Buone corse,
Davide

In breve
  • Comfort
  • Peso percepito
  • Stabilità
  • Design
  • Rapporto qualità prezzo
4.3

Summary

Probabilmente consiglierei questa scarpa ai principianti o a chi pratica jogging in maniera occasionale. E’ adatta anche ai i corridori più esperti che hanno un migliore controllo sulla loro tecnica di corsa e saranno in grado di utilizzare la Rincon 2 sia come scarpa da cronometro che come calzatura per l’allenamento quotidiano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome