Ti hanno parlato delle scarpe da corsa Hoka One One Gaviota 2 e sei in cerca di maggiori informazioni su caratteristiche, opinioni e prezzi?

Sei capitato nel posto giusto.

Se non mi conosci mi presento, sono Davide Ferro, ex atleta professionista e ora esperto di scarpe da corsa, e in questo articolo ti parlerò delle scarpe da running Hoka Gaviota 2.

Sei pronto? Iniziamo!

 

 

Hoka One One Gaviota 2: Recensione

 

Hoka One One Gaviota 2 è una scarpa molto stabile e ammortizzata, adatta per percorrere molti chilometri.

L’ammortizzazione è morbida e reattiva e ne vale il prezzo.

Vediamo insieme tutte le caratteristiche nel dettaglio.

 

Hoka One One Gaviota 2: Caratteristiche generali

Hoka One One è una giovane azienda che si occupa di scarpe da corsa e ha iniziato il suo percorso lavorativo nel 2009. L’azienda è conosciuta per le intersuole incredibilmente leggere.

La Hoka One One Gaviota 2 è la seconda edizione del modello Gaviota.

Hoka One One offre due opzioni di stabilità:  Arahi e Gaviota.

La Gaviota rispetto all’altra offre più ammortizzazione e stabilità.

hoka one one gaviota 2 recensione



La Hoka One One Gaviota 2 costa circa 150 euro e ciò mette queste scarpe in competizione in termini di prezzo, stabilità e ammortizzazione con Asics Kayano, Brooks Beast, Saucony Hurricane Iso e New Balance Rubix.

Non appena ho aperto la scatola di queste scarpe, ho subito pensato che assomigliassero un po’ a dei carri armati; hanno infatti l’intersuola più grande che abbia mai visto in una scarpa da corsa.

Mi piacciono particolarmente le varie sfumature nella parte superiore, che danno a queste scarpe un tocco visivo in più.

La tomaia ha un aspetto eccezionale e presenta una variazione dei materiali utilizzati, come la pelle scamosciata sui talloni.

Inizialmente pensavo che anche una volta indossate pesassero come carri armati, ma sono rimasto piacevolmente sorpreso da quanto fossero leggere.

Sono leggermente più grandi rispetto alla maggior parte delle scarpe da corsa, ma ciò non dà fastidio. 

Queste scarpe sono talmente tanto ammortizzate che sembrano dei cuscini.

Il primo giro dopo l’unboxing è stato di circa 3 minuti e mezzo, e le scarpe mi sono sembrate subito stabili e leggere.

Andiamo a scoprire insieme suola e tomaia più nel dettaglio.

 

Vedi su Amazon

 

Hoka One One Gaviota 2: Suola

hoka gaviota caratteristiche

Le intersuole sono ciò che distingue le Hoka dalle altre marche di scarpe da corsa. Le dimensioni e il peso dell’intersuola fanno risaltare positivamente le Hoka One One Gaviota 2.

L’intersuola si presenta a doppia densità ed è composta da RMTA, cioè da gomma ed EVA. Questo particolare mix consente una maggiore ammortizzazione e un minor peso.

L’intersuola a doppia densità è incredibilmente soffice ma rimane comunque reattiva.

Hoka utilizza la tecnologia J-Frame per la stabilità. Questa offre un tipo di ammortizzazione più densa, inizia sull’avampiede e scorre lungo il lato mediale del piede prima di avvolgersi attorno al tallone.

Ero già a conoscenza di questo tipo di tecnologia e l’ho trovata molto efficace nel fornire stabilità al piede e alla caviglia.

Un’altra tecnologia che solitamente Hoka utilizza con le Gaviota è la Meta-Rocker.

Si tratta di una combinazione ottimale di un tallone da 5 mm e di una intersuola dalla forma unica. Generalmente sono abituato ad avere più spazio nella zona del tallone.

Le parti inferiori delle mie gambe, polpacci, tendine d’Achille e caviglie, hanno richiesto alcune corse per adattarsi a queste scarpe. I piedi dolevano leggermente a causa della sezione dell’intersuola J-FRrame che apportava troppa pressione al piede.

Dopo qualche utilizzo il dolore scompare del tutto. 

La parte inferiore delle scarpe è riuscita a gestire tranquillamente ogni tipo di condizione metereologica, asciutta e umida, ghiaccio e neve inclusi.

Le Gaviota 2 utilizzano una gomma più densa nelle aree che sono ad alta usura, ossia lungo l’avampiede. Questo ha fatto sì che vi fosse una risposta decisa ad ogni passo e che la scarpa avesse la giusta quantità di flessibilità e durata.

 

Hoka One One Gaviota 2: tomaia

Hoka Gaviota Recensione

La tomaia è stata ridisegnata rispetto alla prima edizione. Il materiale che viene utilizzato per l’avampiede è cambiato in una rete ingegnerizzata.

Questo è stato fatto per rendere la scarpa più traspirante. La linguetta della scarpa è attaccata alla maglia ingegnerizzata, che è simile alla tecnologia ISO di Saucony.

Intorno all’arco del piede il materiale si trasforma in una tela morbida.

Questo materiale è coperto da una struttura chiamata Arch-lock wings, con alette che bloccano il piede in posizione.

 Intorno al tallone la scarpa è scamosciata e ha dei loghi in rilievo su entrambi i lati.

La pelle scamosciata in rilievo dà un tocco in più alla scarpa. Questo nuovo design la rende ancora più attraente.

La Arch lock wings è più prominente su queste scarpe. Le ali hanno lo stesso scopo della tecnologia Nike Flywire e Saucony Iso, per bloccare i piedi e fornire maggiore stabilità e supporto.

Trovare una giusta vestibilità della scarpa ha richiesto alcuni tentativi durante l’allacciatura.

Le ali aggiungono sicuramente stabilità e supporto, ma non quanto il J-Frame nell’intersuola.

Queste scarpe non mi hanno creato particolari problemi o irritazioni mentre le ho utilizzate per correre.

La suola aderiva al terreno non in modo troppo prepotente. L’ammortizzazione era ottimale nella parte posteriore.

 

 

Pro e contro Hoka One One Gaviota 2

Pro Contro
Ottima ammortizzazione leggera e reattiva Un po’ strette
Corsa stabile Non adatte per corse veloci
Design accattivante

 

Caratteristiche tecniche

  • Marca: Hoka One One
  • Tipologia: Stabilità
  • Drop: 5 mm
  • Famiglia: Hoka
  • Peso: 301 gr
  • Versione precedente: Gaviota

 

A chi è rivolta: Hoka One One Gaviota 2

Consiglierei questo tipo di scarpa ad un corridore che necessita di massima ammortizzazione e grande durabilità.

Ideale anche per i runner più pesanti e per coloro che hanno qualche problema alle articolazioni.

 

Hoka One One Gaviota 2: recensioni

Cosa ne pensa chi possiede già la Hoka One One Gaviota 2?

Qui abbiamo raccolto le opinioni di chi l’ha provata.

 

Conclusioni

Hoka One One Gaviota 2 sono le scarpe da corsa più equilibrate che abbia mai indossato. L’ammortizzazione e la reattività sono di primo ordine.

Con queste scarpe i miei piedi e le mie gambe hanno avuto bisogno di meno tempo per riprendersi dopo le lunghe discese.

Le Gaviota sembrano dei carri armati e ciò ti fa pensare che possano essere scomode nella corsa, ma non è così. Non mi hanno mai rallentato o influenzato negativamente la mia andatura.

Ora passo la parola a te.

Hai mai corso con un paio di Hoka One One Gaviota 2 ai piedi? Quali sono state le tue impressioni?

Fammelo sapere lasciando un commento qui sotto.

Buon allenamento,
Davide

 

 

Fonte: Runningshoesguru

 

4 Commenti

    • Ciao Silvana,

      In media le scarpe hanno un altezza di suola che può differenziarsi per pochi millimetri.

      L’unica marca che attualmente si discosta dalla media è Hoka, che presenta una suola decisamente più alta rispetto a tutte le altre marche pur mantenendo ottimi requisiti di risposta.

      Spero di aver risposto alla tua domanda.

      Se hai bisogno di altro consigli scrivimi pure!

      Buon allenamento,
      Davide

  1. Ciao mi chiamo Nicola, ti scrivo da Lerici dove vivo e dove corro abitualmente. Sono un utilizzatore di Hoka ormai da un anno, ho consumato un paio di Arahi 1 e sto usando attualmente un paio di Arahi 3 (scarpe con pronazione raccomandate da medico ortopedico dopo visita per problemino alla bandelletta).
    Queste ultime (arahi 3) mi sembrano un po’ piu secche rispetto alle versioni precedenti dello stesso modello e credo che questo, unito al fatto che corro su superfici dure, stia influendo sulle mie articolazioni. Mi chiedevo se era opportuno passare alle Gaviota, io sono 1.65x65kg non propriamente pesante, ma avendole provate in negozio l’ammortizzazione ed il comfort che restituiscono sono eccezionali.
    Tu cosa ne pensi? Grazie dell’attenzione che mi hai prestato.
    Nicola

    • Ciao Nicola,

      la tua situazione è comprensibile in quanto i vari modelli hanno dei piccoli miglioramenti a volte meno percettibili altre di più.

      Nel caso delle scarpe per pronatori, i modelli sono meno confortevoli perché nella parte centrale viene inserita una tecnologia (schiume più dense o parti in pubex) che evita il cedimento del piede verso l’interno.

      Questa parte più dura rende meno morbida la scarpa.

      Può essere che in vari modelli questa parte sia stata modificata e quindi trovi la calzatura meno confortevole.

      Ti faccio una domanda io: visto che il tuo ortopedico ha probabilmente individuato il problema, perché non ti ha consigliato un plantare su misura, piuttosto che andare su un modello che è fatto su scala?

      Lo dico perché il plantare ti farebbe correre con scarpe da running neutre e quindi, oltre ad ampliare i modelli da utilizzare, sarebbe una soluzione fatta perfettamente sulla tua posologia.

      Infine dico una cosa scontata ma fondamentale: il nostro fisico si abitua molto velocemente alle cose, quello che oggi è morbido, fra qualche tempo sembrerà più duro, e così via.

      Anche nel caso delle scarpe da corsa, la nostra percezione delle cose che ci circondano cambia costantemente.

      Secondo il mio parere potresti provare con un plantare e optare per i modelli neutro della Hoka, visto che ti sei trovato bene.

      Ti consiglio la Bondi (http://www.scarperunning.org/hoka-bondi/)

      Buon allenamento,
      Davide

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome