La Nike Wildhorse 7 è uno dei modelli della famiglia Nike Trail. Di questi modelli fanno parte le Nike Terra Kiger e Pegasus Trail 2.

La Wildhorse offre il massimo comfort e aggressività in un insieme di tecnologie combinate.

Sono tra le scarpe da trail running più belle in commercio e hanno una linea così accattivante che non passano sicuramente inosservate.

Possono tranquillamente essere utilizzate come scarpa sportiva da tempo libero, perché molto alla moda.

Se non fosse stato per il numero rischiavo di non poter fare i test perché è il modello preferito di Mara, la mia compagna…e me l’avrebbe sottratto volentieri 🙂

Andiamo a scoprire quali sono le caratteristiche tecniche, generali e i pro e contro di queste fantastiche calzature da trail firmate Nike Running.

Test delle scarpe da running Nike Wildhorse 7

Caratteristiche tecniche

  • Marchio: Nike
  • Modello: Wildhorse 7
  • Tipologia: Neutre 
  • Peso: 297 gr
  • Drop: 9 mm
  • Famiglia: Trail
  • Modello precedente: Wildhorse 6

Caratteristiche generali

La Wildhorse è la scarpa per lunghe distanze della linea Nike Trail.

La schiuma React, che è già presente in molte scarpe da corsa Nike, si trova nel nucleo e nell’intersuola della scarpa e conferisce alla Nike Air Zoom Wildhorse 7 una sensazione di corsa più morbida e confortevole.

Sulla suola sono presenti alcuni tacchetti in gomma di piccole dimensioni per un’ottima presa su superfici sabbiose o fangose.

Questi garantiscono un buon contatto con il terreno, anche su discese veloci, così puoi concentrarti completamente sul trail running.

Inoltre, l’intersuola in combinazione con la suola ha una certa rigidità, che fornisce una buona protezione durante la corsa.

La tomaia della Wildhorse presenta molti elementi che proteggono il piede da pietre e radici e fornisce una buona stabilità.

Per mantenere la sabbia o piccoli sassi lontani dall’interno della scarpa da corsa, la sezione del tallone è leggermente rialzata.

Tutte le varie caratteristiche rendono la Wildhorse 7 adatta per percorsi più lunghe e superfici impegnative.

Suola

nike wildhorse 7

La suola è composta da molte alette (i cosiddetti waffle) distanziate tra loro e disposte in modo strategico su tutta la lunghezza.

Questa geometria evita che si possano attaccare detriti di qualunque genere sotto la suola nella nostra sessione di allenamento.

Il battistrada copre anche una parte di tallone dove è più arrotondata, utile sia in pianura che in discesa, permettendolo in questa ultima fase una maggiore aderenza quando si attacca di tallone pieno.

Su asfalto a causa della dentellatura l’aderenza è comunque buona ma non ottimale.

Da dimenticare invece su piastrellato bagnato o su rocce lisce umide dove si trasforma in una saponetta quasi ingestibile.

Intersuola

nike react wildhorse 7 intersuola

Si presenta con un drop di 8 mm (30 mm di tallone, 22 mm di punta).

L’intersuola ha una piastra di roccia eccezionale che protegge il piede dagli spuntoni e dalle rocce più appuntite non interferendo con l’elasticità della scarpa.

Ti dirò che l’ho apprezzata molto nei giorni di test, dove mi sono imbattuto in una discesa piuttosto ripida, lunga e con moltissime pietre acuminate.

Il rischio era quello di finire con i piedi davvero distrutti o di risentirne a livello articolare nei giorni seguenti, invece sono rimasto piacevolmente sorpreso dalla perfetta protezione che mi hanno dato.

Sempre in questa zona viene utilizzata l’ormai famosissima schiuma React a tutta lunghezza che dona alla scarpa stabilità, ammortizzamento e reattività al punto giusto.

Nella zona posteriore dell’arco plantare, l’intersuola sale su entrambi i lati avvolgendo il piede il che ne aumenta la stabilità.

Sull’avampiede il modello non è troppo morbido, ed è quindi ideale per coloro che amano avere un contatto più diretto con il terreno.

Apprezzo molto questa versione in quanto, anche se lo stack nella parte anteriore della scarpa non è trascurabile, non sballa i tempi di contatto, permettendo fin da subito di avere i giusti tempi di corsa e rimanendo super protetti.

Questa caratteristica aumenta la reattività del prodotto.

Tomaia

nike react wildhorse 7

Risulta davvero leggera con una trama che permette una traspirazione ottimale.

Nonostante queste due caratteristiche iniziali che presupporrebbero una tomaia poco resistente, in realtà è resistente e allo stesso tempo confortevole.

Nella parte anteriore, uno strato in gomma morbida ma resistente, protegge i piedi in punta da possibili urti in fase di corsa.

Sul collo del piede la linguetta è sottile e integrata con uno strategico strato di imbottitura che ricopre la parte superiore dell’arco del piede nei punti in cui i lacci creano una maggiore pressione.

Nella parte posteriore intorno al collo del piede un morbido colletto, simile a un calzino dona comfort ed evita l’entrata di detriti all’interno della scarpa.

Sotto questo colletto è posizionata una capsula del tallone ben strutturata e imbottita che protegge il tallone dagli urti e donando stabilità.

Pro e contro

Pro

  • Sicuramente è un modello che si dimostra molto stabile nelle fasi di corsa, è reattiva sull’avampiede e confortevole senza mai dare fastidio in alcun punto specifico.
  • Esteticamente bellissima e aggressiva mentre la suola non raccoglie detriti in corsa.
  • Calza perfettamente già dalla prima uscita.

Contro

  • Sul bagnato quando si incontrano pietre lisce o levigate, le scarpe diventano scivolose.
  • La tomaia potrebbe essere leggermente più pesante.
  • Si sarebbe potuto pensare ad un puntale più rigido sull’avampiede.

Domande frequenti

A chi sono rivolte?

A mio avviso, Nike Wildhorse 7 è una scarpa molto versatile, ideale per quei runner alla ricerca di una scarpa da trail running per corse a lungo chilometraggio dove c’è bisogno di confort, stabilità e la giusta dose di reattività.

Sempre a mio avviso, il peso del runner ideale può andare da un minimo di 70kg fino ad un massimo di 95kg.

Come calzano?

Questo modello è fedele al numero delle altre scarpe Nike da strada.

A differenza delle Pegasus Trail 2 dove è necessario prendere una mezza misura più grande, per questo modello non c’è necessità di prendere mezzo numero in più.

Dove acquistarle?

Sono uscite sul mercato italiano nel marzo 2021, e c’è il rischio che nei primi mesi tu debba pazientare un po’ per poterle acquistare ovunque.

Il canale consigliato per l’acquisto è il sito ufficiale Nike, che propone i migliori prezzi in assoluto sul web.

L’ultima alternativa sono i negozi di articoli da running della tua città anche se, in tutta onestà, credo che ci vorrà ancora un po’ prima di trovare la nuova uscita di casa Nike.

Comparativa

La Nike Wildhorse 7 è una delle tre scarpe della famiglia Nike Trail (oltre a Terra Kiger e Pegasus Trail). Delle tre, la Wildhorse offre il massimo mix fra comfort e aggressività.

Vediamo le principali differenze delle tre scarpe da trail targate Nike.

Nike Wildhorse 7 vs Pegasus Trail 2

La Pegasus Trail 2 è la scarpa “tuttofare” della linea Nike Trail.

Grazie alla sua costruzione, la scarpa da trail può essere utilizzata comodamente sia su asfalto che su sentieri mediamente sterrati.

Rispetto alla prima edizione, ora la schiuma React è presente nell’intersuola per un elevato livello di comfort di corsa su tutte le superfici. La suola fornisce anche una presa sicura e una presa convincente anche su superfici fangose.

La tomaia si adagia molto comodamente contro il piede e offre quindi un elevato livello di comfort.

Gli elementi protettivi proteggono il piede su terreni accidentati e la tomaia rialzata impedisce l’ingresso di sabbia e pietre.

La vestibilità è leggermente più ampia nell’avampiede, quindi c’è abbastanza spazio nella scarpa da trail anche per le corse più lunghe.

In generale, la Nike Pegasus Trail 2 è una scarpa da trail running per tutti. Soprattutto, offre comfort ed è adatto a qualsiasi distanza.

Se desideri una scarpa tuttofare, puoi optare per la Peg Trail 2, se cerchi una scarpa ideale per il sentiero più accidentato, ti consiglio la Wildhorse.

Nike Wildhorse vs Terra Kiger

La tomaia della Terra Kiger è realizzata in una rete molto ariosa con molta libertà di movimento.

Gli unici elementi protettivi sono un puntale e un materiale robusto sul tallone.

Con l’allacciatura, Terra Kiger 6 può essere regolata molto bene sul piede, il che garantisce una sensazione di corsa sicura.

Tuttavia, offre abbastanza spazio nell’avampiede in modo che il piede non si senta “costretto” durante la corsa.

La costruzione dell’intersuola offre molto dinamismo.

Anche qui viene utilizzata la schiuma React, con un classico pad Zoom nel tallone per un certo livello di comfort in discesa.

Per evitare di scivolare sulle pietre bagnate, la mescola in gomma della suola fornisce una presa sufficiente. Nonostante la forma non troppo aggressiva della suola, i percorsi nel fango e nella sabbia non rappresentano affatto un problema.

Gli elementi di protezione dai sassi nell’avampiede sono molto ben progettati.

Questi sono singoli elementi tra la suola e l’intersuola che proteggono dalla spinta attraverso i lati.

La Terra Kiger è adatta per sessioni veloci sui sentieri, ma i runner esperti possono sicuramente indossare questa scarpa da trail su percorsi più lunghi.

Rispetto alla Wildhorse, è una scarpa più dinamica in grado di gestire allenamenti e gare veloci su terreni accidentati. Se hai intenzione di correre a lungo, ti consiglio la Wildhorse, se invece desideri correre più veloce, vai sulla Terra Kiger.

Nike Trail Running: le 3 scarpe a confronto

Nike Pegasus TrailNike WildhorseNike Terra Kiger
Peso7/108/109/10
Ammortizzazione9/109/107/10
Reattività7/107/109/10
Grip7/108/109/10
Stabilità9/1010/106/10
SessoUomini e donneUomini e donneUomini e donne
Grip10 mm8 mm4 mm
SuolaAir ZoomReactReact & Air Zoom
TomaiaMesh & sinteticoMesh con elementi protettiviFlymesh con protezione
VestibilitàNormaleUn po’ più largo nell’avampiedeUn po’ stretto
Ideale perTrail runningTrail runningTrail running
Progettata perTuttofare (asfalto e sterrato)Sessioni di trail (anche lunghe distanze)Dinamica, allenamenti trail più veloci
Prezzo129,90€119,90€129,90€

Conclusione

Questo modello è sicuramente tra i più completi della gamma trail di Nike.

Risulta essere a mio avviso anche molto versatile, ideale per quei runner alla ricerca di una scarpa per trail lunghi dove c’è bisogno di confort, stabilità e la giusta dose di reattività.

La scarpa in generale non ha subito molti aggiornamenti rispetto alla versione precedente, è rimasta pressoché invariata e devo ammettere che non mi dispiace più di tanto, dato che la scarpa di partenza era già un prodotto eccezionale.

Forse Nike avrebbe potuto pensare di lavorare su una tomaia meno leggera e più performante e di sostituire la gomma sul puntale con uno strato leggermente più protettivo.

In generale mi sento di promuovere questa bellissima scarpa da running che va a posizionarsi al numero 1 tra i modelli testati fino ad oggi per il mondo trail.

E tu cosa ne pensi?

Scrivilo nei commenti qui sotto, sono curioso di sapere come la pensi!

E ricorda:

Vento sulla faccia,
rock’n’roll nelle orecchie
e chilometri nelle gambe.

Buone corse,
Davide

IN BREVE
Comfort
Peso percepito
Stabilità
Design
Rapporto qualità prezzo
Articolo precedenteNew Balance Fresh Foam 1080v11: Recensione di Davide Ferro
Articolo successivoMizuno Wave Inspire 17: Recensione di Davide Ferro
Sono nato a Genova e ci vivo ancora. Prima di passare le giornate davanti allo schermo del PC correvo per professione, mentre oggi lo faccio per passione. Ho lavorato per oltre 5 anni in un negozio di running e ho imparato tutto quello che c'è da sapere sul mondo delle scarpe da corsa. Ho creato questo blog per condividerlo con te.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Inserisci il tuo nome