Il piede cavo è una malformazione anatomica, in presenza della quale i piedi di una persona presentano un arco plantare più alto rispetto alla norma.

Se i tuoi piedi hanno l’arco alto, correrai in modo diverso rispetto agli altri e avrai bisogno di scarpe da running che siano in grado di soddisfare le tue esigenze.

Gli archi alti garantiscono una minore superficie di appoggio (e di assorbimento degli urti) del piede, aumentando lo stress sul tallone e sulla pianta del piede.

Per evitare lesioni e correre nel modo più efficiente possibile, è importante cercare scarpe da running che si adattino bene al piede cavo.

Immagino che in questo momento ti stia chiedendo:

Come fare a scoprire se ho il piede cavo e gli archi alti?

C’è un modo semplice per scoprire l’appoggio del piede: il test del bagnato.

Ecco come devi fare:

  • versa un sottile strato d’acqua in un recipiente poco profondo
  • bagna la pianta del tuo piede
  • sali su un su un foglio bianco di carta pesante;
  • scendi e controlla l’impronta che hai lasciato

Osserva la forma e comparala con una di queste tre:

Test del bagnato di Runner’s World

Bene, ora che hai capito in quale situazione ti trovi, è giusto scegliere le scarpe da running adatte e in questo articolo ti aiuterò a fare ciò.

Io sono Davide Ferro, ex runner professionista e appassionato di running.

Per oltre 5 anni ho lavorato in un negozio di scarpe da running aiutando migliaia di persone a scegliere la scarpa perfetta.

In questo articolo ti elencherò le 5 migliori scarpe piede cavo del 2019.

Se alla fine dell’articolo hai ancora qualche dubbio, lascia un commento e ti risponderò in meno di 24 ore.

Bene, sei pronto? Iniziamo!

Quali sono le migliori scarpe da running per chi ha l’arco plantare alto?

Le migliori scarpe per piede cavo del 2019 sono Adidas Supernova, Saucony Kinvara, Mizuno Wave Rider, Brooks Launch e Nike Air Zoom Pegasus.

Andiamo a scoprirle una per una.

Adidas Supernova

Adidas Supernova è l’ideale se stai cercando una scarpa da running super confortevole.

Uno spesso strato di schiuma garantisce un’ammortizzazione reattiva che elimina lo stress dai piedi e dalle articolazioni.

La scarpa presenta anche lo stesso tallone sagomato presente nel modello più costoso Adidas Ultra Boost, che migliora il movimento e garantisce un maggiore comfort nell’area posteriore del piede.

  • Marchio: Adidas
  • Drop: 10mm
  • Peso: 306g
  • Ideale per: runner che cercano scarpe molto ammortizzate

Saucony Kinvara

Saucony Kinvara è una delle scarpe running che a livello estetico amo di più.

È una scarpa da corsa perfetta se hai l’arco plantare alto e desideri qualcosa di leggero che ti aiuti ad aumentare il ritmo durante l’allenamento.

È composta da una suola sottile che offre ai runner dal piede cavo un’ammortizzazione reattiva.

Con i suoi 220g, è la più leggera di questa lista.

  • Marchio: Saucony
  • Drop: 4mm
  • Peso: 221g
  • Ideale per: runner neutri alla ricerca di una scarpa affidabile e versatile con reattività e comfort ineguagliabili.

Mizuno Wave Rider

Se stai cercando scarpe da running comode per una cosa fluida nelle lunghe distanze, con le Mizuno Wave Rider andrai sul sicuro.

Probabilmente la scarpa da corsa più famosa di Mizuno, la Wave Rider ha un tacco flessibile che ti garantirà un grande comfort chilometro dopo chilometro.

Con i suoi 272 grammi è anche relativamente leggera.

  • Marchio: Mizuno
  • Drop: 12mm
  • Peso: 272g
  • Ideale per: runner neutri, in particolare per coloro che preferiscono un piccolo tocco di stabilità per le gare più lunghe.

Brooks Launch

Brooks sta facendo una cosa molto interessante.

Invece di espandere il suo parco prodotti inserendo capi di abbigliamento per altri sport o per la vita quotidiana, l’azienda investe tutto il suo tempo in una cosa: il running.

Le Launch sono le migliori scarpe da corsa Brooks per chi ha il piede cavo, e garantiscono un buon supporto alla pianta del piede senza risultare troppo pesanti (255 g)

  • Marchio: Brooks
  • Drop: 10mm
  • Peso: 255g
  • Ideale per: runner neutri che desiderano scarpe piuttosto leggere senza runinciare alla resistenza della tomaia e dell’intersuola.

Nike Air Zoom Pegasus

Le Nike Pegasus, che hanno fatto il loro primo ingresso sul mercato nel 1983, hanno una ricca storia fatta di successi e sono diventate tra le migliori scarpe da running di sempre.

E decenni dopo la sua prima uscita, non smettono mai di stupire.

La scarpa è reattiva e ben ammortizzata, perfetta per le corse più lunghe.

Le Pegasus presentano inoltre colorazioni vivaci che assicurano che le auto possano vederti correre lungo la strada, giorno e notte.

  • Marchio: Nike
  • Drop: 10 mm
  • Peso: 300g
  • Ideale per: runner che cercano una scarpa tutto fare (sia per brevi che per lunghe distanze)

Conclusioni

Hai trovato le scarpe running piede cavo che fanno per te?

Se hai qualche domanda o dubbio, leggi la classifica delle migliori scarpe running 2019 oppure lascia un commento e cercherò di risponderti entro 24 ore.

Buon allenamento!
Davide di Scarperunning.org

 

Valuta l'articolo ->
Valutazione
5 based on 18 votes
Scarpe running piede cavo

12 Commenti

  1. Ciao e grazie per il tuo articolo! Io ho il piede cavo-valgo, porto i plantari e faccio esercizi di rinforzo e stabilizzazione quotidiani. Il mio fisioterapista, mi “concede” solo del jogging leggero, che io pratico nel bosco (abito a 1200 metri) per una distanza di 6-7 km al giorno. Adopero le Hoka one one da trail, cosa ne pensi? Me le ha consigliate proprio il terapista, per via della pianta larga e dell’ammortizzazione. Consigli di praticare il running con o senza plantari? Io per ora, li adopero sempre. Grazie della tua opinione! Ps, credo prenderò anche un paio di Saucony per testare la differenza!

    • Ciao Mary,

      Invece di rispondere alle tue domande, parto subito con un’altra domanda: perchè ti concedi di fare del jogging leggero? Quali sono i problemi?

      Detto questo, le Hoka sono un’ottima scarpa; il limite di questi prodotti è che sono molto ammortizzati, e come puoi ben immaginare, essendo abitudinari, il nostro corpo tende ad abituarsi ai prodotti che utilizziamo.

      In questo caso, il fatto di utilizzare scarpe ben ammortizzate, ti può portare nel tempo a non avere più lo stesso comfort.

      Il mio consiglio è quindi di alternare scarpe diverse nelle varie sessioni di allenamento.

      Per la domanda riguardante l’utilizzo del plantare durante l’attività fisica, la risposta è affermativa; è necessario indossare il plantare in quanto creato apposta per risolvere i tuoi scompensi.

      Come scelta di scarpe mi parlavi di Saucony: ottimi prodotti e molto ben ammortizzati.

      È necessario andare però su modelli neutri, in quanto dovrai indossare il plantare.

      Ricorda di fare la prova sempre con il plantare.

      I modelli che ti consiglio sono:
      Saucony Kinvara
      Asics Nimbus

      Buon allenamento,
      Davide

  2. Ciao Davide,

    ho i piedi cavi ed uso delle Launch… ma per mera casualità! Volevo chiederti perché le reputi particolarmente adatte. Chiedo perché sul sito Brooks sono ritenute neutre.
    Grazie mille, ciao,

    Paolo

    • Ciao Paolo,

      Effettivamente quello che ho scritto può trarre in inganno.

      In realtà non stiamo parlando di una scarpa per pronatori, bensì che la conformazione della scarpa sia indicata anche per chi ha il piede cavo.

      Infatti, si tratta di una calzatura molto confortevole a livello del collo del piede dove generalmente l’arco plantare è molto alto.

      Il plantare, inoltre, è leggermente più pronunciato rispetto ad altri modelli.

      La scarpa rimane comunque una A3.

      Buon allenamento,
      Davide

  3. per un master velocista (200/400 metri) che si allena su asfalto e fa ripetute veloci (es. 10×400; 10×500 ecc) peso 78 kg, h 1.80 con piede cavo e supinato (indosso plantari su misura) quale modello consigli? Ho avuto per un po le altra running Torin ma si “scaricano” quasi subito (500/600 km)

    • Ciao Piero, finalmente il commento di un velocista! 🙂

      Ho letto il tuo commento e avrei alcune domande:
      1) Perchè hai scelto un modello di scarpe alto?
      2) Perchè hai optato per un modello di scarpa A3? Per qualche esigenza particolare o semplicemente perchè l’hai trovata confortevole?

      Essendo un velocista e non avendo particolari esigenze di ammortizzamento (soprattutto nell’area posteriore del piede), ti consiglio un paio di scarpe intermedie A2: non ammortizzanti ma dinamiche.

      Leggi la lista delle migliori scarpe da corsa A2.

      Buon allenamento,
      Davide

      PS In media tutte le scarpe si scaricano dopo 500-600km, per cui ti consiglio, una volta raggiunti i 400km percorsi, di acquistarne un altro paio da alternare.

      • Grazie della risposta!
        Ho scelto una A3 (ALTRA TORIN) per proteggere le articolazioni dalle sollecitazioni dell’asfalto poichè le ripetute sono all’80/85%(come dicevo ho la possibilità di allenarmi in pista solo 1 volta la settimana).
        Ho paura che se prendo una A2 (es. Adidas adios o similare) le mie ginocchia facciano crack (ho entrambi i menischi abbastanza usurati).
        Pierpaolo

        • È giusto quello che dici, però quello che penso io è che, a meno che tu durante le ripetute non vada ad impattare su tallone e avampiede, non sfrutti il sistema di ammortizzamento delle A3.

          Per cui, avere una A2 o una A3 fa poca differenza (se non nessuna) in termini di protezione.

          Tuttavia, se cerchi una A3 leggera, ti consiglio queste scarpe, che rappresentano delle “vie di mezzo” fra A2 e A3:
          Mizuno Wave Rider: ottimo prodotto, leggero, con sistema meccanico di ammortizzamento e una placca in Pebax che accompagna il piede nel passaggio tra tallone a avampiede. Nonostante sia una A3 ha un peso molto leggero e fornisce un’ottima risposta;
          Nike Pegasus: grande scarpa con buon ammortizzamento e ottimo ritorno elastico.

          Se hai bisogno di altre info chiedi pure.

          Buon allenamento,
          Davide

  4. Grazie mille Davide
    Alla fine ho optato per le adios 4 per gli allenamenti su pista e pegasus per l’asfalto.
    Spero bene
    Ciao!

  5. Ciao grazie per i tuoi consigli io ho il piede cavo e i piedi, diciamo così, sottili non grossolani
    Per cui volevo chiederti se le scarpe di cui sopra hanno la pianta larga.grazie

    • Ciao Mario

      Le uniche scarpe nell’elenco qui sopra che hanno la pianta larga sono le Wave Rider di Mizuno.

      Un caro saluto,
      Davide

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here