La supinazione avviene quando, durante la corsa, il tuo piede compie un movimento verso l’esterno, e talvolta può risultare estremamente dolorosa soprattutto per le tue articolazioni.

Se anche tu hai questa tendenza, trovare le scarpe da running perfette per combattere la supinazione è il primo passo che devi compiere.

Sul mercato esistono centinaia di modelli di scarpe da running, e immagino ti starai chiedendo:

Quali sono le migliori scarpe running supinatore?
Quali dovrei scegliere?

Beh, sei capitato nell’articolo giusto.

Io sono Davide Ferro, ex runner professionista e appassionato di running.

Per oltre 5 anni ho lavorato in un negozio di scarpe da running aiutando migliaia di persone a scegliere la scarpa perfetta.

In questo articolo ti parlerò della supinazione e ti elencherò le 5 migliori scarpe running supinatore del 2019.

Se alla fine dell’articolo hai ancora qualche dubbio, lascia un commento e ti risponderò in meno di 24 ore.

Bene, sei pronto? Iniziamo!

Quali sono le migliori scarpe running per supinatori del 2019?

Le migliori scarpe running supinatore del 2019 sono Brooks Ghost 11, Brooks Glycerin, Mizuno Wave Rider 22, Asics Gel Venture 6 e Saucony Triumph ISO 4.

Andiamo a scoprirle una per una.

Scarpe running supinatore Brooks Ghost 12

Le migliori in assoluto

Le Brooks Ghost 12 sono un eccellente paio di scarpe per supinatori.

Sono composte da una schiuma in grado di assorbire gli urti in modo efficace e di fornire un supporto ideale sia per i pronatori che per i supinatori, mantenendo il tuo piede nella posizione perfetta durante ogni movimento.

Una tomaia traspirante e un colletto del tallone soffice al punto giusto sono in grado di offrirti un grande comfort su tutta le superficie del tuo piede evitandone lo sfregamento.

La suola garantisce invece una grande trazione in grado di permetterti di correre sia su terreni asciutti che sul bagnato.

  • Marchio: Brooks
  • Drop: 10mm
  • Peso: 295g
  • Ideale per: praticamente tutti i runner (anche per coloro che hanno la pianta larga); è sconsigliata solo ai runner più pesanti che potrebbero avere bisogno di un po’ di ammortizzazione in più

Brooks Glycerin

Scarpe running supinatore pesante

Le Brooks Glycerin offrono molto di più di un semplice supporto per la supinazione.

Sono dotate di una suola in DNA che garantisce massima ammortizzazione in grado di assorbire gli urti e di fornire comfort anche al supinatore pesante (anche oltre ai 90kg).

La caratteristica più importante è senza dubbio la presenza del tallone arrotondato che riduce la quantità di stress sulle articolazioni fornendo un grande beneficio alla caviglia.

  • Marchio: Brooks
  • Drop: 10mm
  • Peso: 301g
  • Ideale per: qualsiasi runner che ha intenzione di correre per parecchi chilometri (dai 10km alla maratona). È una grande opzione anche per i runner più pesanti (oltre ai 90kg), per i principianti, e per coloro che hanno bisogno del massimo ammortizzamento.

Mizuno Wave Rider 22

Le scarpe supinatore per runner dalla pianta larga

La Mizuno Wave Rider 22 è una grande scarpa da running in grado di fornire un leggero supporto per la supinazione.

La scarpa è composta da una suola in Ui4C che garantisce un grande comfort e una buona ammortizzazione.

La tomaia è molto traspirabile e soffice, in modo da evitare fastidio durante lo sfregamento con l’area superiore del piede.

L’unico lato negativo? Il prezzo è piuttosto elevato.

  • Marchio: Mizuno
  • Drop: 12mm
  • Peso: 272g
  • Ideale per: principianti, runner dalla pianta larga o coloro che hanno un peso elevato (anche oltre i 90 o 100kg).

Asics Gel Venture 6

Le scarpe da corsa con la soletta rimovibile

La missione di Asics è sempre stata quella di rendere fantastica l’esperienza di corsa di ogni runner, e devo ammettere che con la Gel Venture 6 ci è riuscita alla grande.

Queste scarpe da corsa forniscono un grande supporto agli archi e sono sia flessibili che traspiranti.

La differenza rispetto alle altre scarpe è la soletta rimovibile, che ti permette di inserire il plantare consigliato dal tuo ortopedico.

Se stai cercando una scarpa da corsa economica e confortevole, questa è quella che fa per te; mentre se vuoi una scarpa che duri una vita, forse dovresti dare un’occhiata alle alternative.

  • Marchio: Asics
  • Drop: 10mm
  • Peso: 312g
  • Ideale per: runner che cercano una scarpa economica e che hanno bisogno di un plantare personalizzato.

Saucony Triumph ISO 4

Le scarpe da corsa supinatore economica

L’ultima scarpa di questa lista è la Saucony Triumph ISO 4, costituita da una tomaia in mesh ingegnerizzata e una soletta Everun in grado di fornire un grande comfort e un buon supporto per la supinazione.

La soletta Everun è estremamente flessibile mentre la grande quantità di ammortizzazione è in grado di farti sentire come se stessi camminando sulle nuvole.

Il prezzo non è particolarmente elevato ed è assolutamente in linea con la qualità dei materiali e delle tecnologie della scarpa.

  • Marchio: Saucony
  • Drop: 8mm
  • Peso: 315g
  • Ideale per: runner che non hanno un budget elevato e cercano una grande ammortizzazione per le lunghe percorrenze; adatta anche a runner principianti ma leggeri abbastanza da mantenere un ritmo piuttosto elevato.

Come scegliere le migliori scarpe running supinatore?

Quando parliamo di scarpe per correggere la supinazione o l’iper pronazione, ci sono molti fattori da considerare.

Nonostante si pensi che le scarpe da running non svolgano un ruolo importante, in realtà devi sapere che sono fondamentali per limitare o eliminare del tutto il dolore che provi durante la corsa.

Scopriamo insieme le caratteristiche delle scarpe per pronatori, runner neutri e supinatori.

scarpe running pronatore

Iperpronazione

L’iper pronazione avviene quando il peso viene scaricato tutto nella parte interna del tuo piede.

In realtà questo è un movimento del tutto naturale, ma nel caso degli iper pronatori è particolarmente accentuato.

Le scarpe migliori per questa tipologia di runner sono quelle con un grande supporto all’arco, e generalmente sono composte da una grande quantità di ammortizzazione.

Puoi trovare le migliori in questo articolo: scarpe runner pronatore

Pronazione neutra

I runner neutri sono coloro la cui pronazione non è particolarmente accentuata.

Le scarpe per runner neutri presentano solitamente un buon ammortizzamento e un buon dislivello tra avanpiede e tallone per salvaguardare i tendini e le articolazioni dagli infortuni.

Ne ho parlato in questo articolo: scarpe running neutre

Supinazione

La supinazione è anche chiamata con il nome inglese “under-pronation” e accade quando il peso viene scaricato nella parte esterna del piede.

I problemi più comuni dovuti alla supinazione sono la fascite plantare, distorsioni alle caviglie e dolore agli stinchi.

Le scarpe da corsa per supinatori devono garantire un grande assorbimento degli urti e fornire un supporto tale da mantenere il piede sempre allineato.

Conclusioni

Hai trovato le scarpe running supinatore che fanno per te?

Se hai qualche domanda o dubbio leggi l’articolo sulle migliori scarpe running A3 oppure lascia un commento qui sotto e ti risponderò entro 24h.

Buon allenamento!
Davide di Scarperunning.org

Valuta l'articolo ->
Valutazione
5 based on 24 votes
Scarpe Running Supinatore

34 Commenti

  1. ciao riprendo in questi giorni a correre dopo un incidente avvenuto quasi tre anni fa tre fratture al bacino con tutto quello che ne consegue,ho 57 anni e come dicevo sto riprendendo a correre ho comprato una scarpe ammortizzata e reattiva come la levitate della brooks ma mi rendo conto di essere diventato un supinatore infatti ho un male cane alla bendelletta ileotibiale vorrei un consiglio che mi aiuti a continuare a correremo faccio da quando avevo 13 anni grazie

    • Ciao Giuseppe e grazie per avermi scritto!

      Perché parli di essere diventato un supinatore?

      Generalmente non si diventa supinatori, cioè il nostro assetto non può cambiare in quanto è determinato dalle nostre caratteristiche fisiche che si vanno a determinare in diverse fasi dello sviluppo.

      Da quello che mi dici, non è un problema derivato dalla scarpa, bensì più probabile da un sovraccarico di lavoro, dovuto magari anche dallo stop prolungato.

      Comunque quello del bandelletta tibiale è un infiammazione molto frequente mei podisti e non per forza è dovuto al fatto di essere supinatori.

      L’unica eventualità che sia la scarpa a crearti l’infiammazione è il fatto della reattività che ha la Levitate, cioè la risposta che potrebbe provocarti questa fastidiosa infiammazione.

      Io ne sono uscito con molto stretching al grande gluteo e sedute di fisioterapia.

      Non ti nego che ho dovuto stoppare per qualche settimana gli allenamenti per far passare l’infiammazione acuta.

      Ti consiglio di acquistare un modello meno reattivo e vedere se con quello riesci a farlo passare allenamento dopo allenamento.

      Altro consiglio è quello di diminuire i carichi.

      Infine anche se tu fossi supinatore, non ti consiglierei scarpe da supinatore ma comunque neutre. Il consiglio è quello di cambiarle un po’ prima rispetto a chi ha effettivamente una falcata neutra

      Buon allenamento,
      Davide

  2. Buon giorno. Ho ripreso a correre ma vorrei acquistare un paio di scarpe adatte al tipo di appoggio. Ho notato, in tutte le scarpe e non solo quelle da corsa, un elevato consumo della suola nella parte esterna della zona del tallone. Ho avuto problemi al calcagno sinistro dove mi è stata diagnosticata tendinopatia calcaneare del tendine d’Achille. Quale scarpa mi consigli. Grazie

  3. Ciao Davide
    Sono un runner supinatore con arco plantare accentuato che soffre spesso di infiammazione al tendine Achilleo.
    Peso 82kg che scarpe mi consigli?
    Grazie
    Fabio

  4. Ciao Davide, complimenti per la preparazione e la passione che metti a disposizione di tutti.
    Nei giorni scorsi sono stato da un fisiatra che mi ha consigliato di adottare una soletta in sughero a 3/4 di 1 cm al tallone da inserire sotto le solette delle scarpe modello neutro; tutto ciò per provare a risolvere ricorrenti problemi ai polpacci in attesa di trattamento manuale di tipo osteopatico.
    Avrei quindi bisogno di una scarpa neutra con elevata capacità di ammortizzazione al retropiede (peso 85 Kg) con soletta estraibile; sono stato in negozio ed ho provato le asics gel venture 6 e non mi hanno soddisfatto appieno. Condizionato anche dal fatto di trovarle tra tante top di gamma anche di altre marche, che avrei potuto acquistare per un discorso economico, ma non ho potuto approcciare per l’incompetenza mia e della seppur gentile e simpatica commessa.
    Grazie in anticipo per una tua eventuale risposta

    • Ciao Gabriele e grazie per i complimenti,

      Innanzitutto, quasi tutte le scarpe di media alta qualità hanno la soletta estraibile quindi, per ciò che richiedi tu, praticamente tutte le solette sono estraibili.

      Per il peso che hai, tutte le A3 che ho menzionato nel blog vanno bene, il mio consiglio è quello di andare con il plantare in sughero e provare i prodotti in loco.

      Quello che fa la differenza è l’altezza della parte sul collo del piede che se troppo stretta in fase di corsa può darti fastidio.

      Purtroppo non posso consigliarti un modello specifico perché non conosco le caratteristiche del tuo piede.

      Quando provi le scarpe indossa contemporaneamente due modelli ai piedi e prova le sensazioni tendendole un po’ ai piedi e poi invertendole (questo perché i nostri piedi sono diversi).

      Se hai altri dubbi scrivimi pure.

      Buon allenamento,
      Davide

  5. Salve, complimenti per l’articolo. Corro da svariati anni e da svariati anni soffro di una fastidiosissima periostite al terzo medio distale di tibia che limita enormemente le prestazioni e la frequenza della mia corsa. Giudicando dal consumo delle scarpe sono un supinatore (consumo prettamente dalla parte esterna della suola). Ho provato con le Nike vomero e devo dire che ho avuto dei parziali miglioramenti. Che scarpa consigli di prendere per un forte supinatore?? Grazie mille in anticipo, Alfredo

    • Ciao Alfredo

      Beh, per i forti supinatori non esiste nulla per la correzione.

      Per una leggera supinazione la Nike Pegasus può aiutare a correggerla leggermente.

      Puoi provare con le Pegasus (leggi la recensione completa qui: Nike Pegasus 35 Recensione).

      Per risolvere però in toto il tuo problema il consiglio è quello di farti fare dei plantari su misura.

      Con quelli dovresti andare ad acquistare delle scarpe neutre.

      Buon allenamento,
      Davide

  6. Ciao Davide e complimenti per le tue pubblicazioni,Sono un supinatore ed uso plantari su misura, Il mio problema principale è dolore all’ avampiede purtroppo ho il neuroma di morton bilaterale.Riesco a correre tranquillamente per 10 km poi il dolore diventa fortissimo,mi fermo massaggio i piedi e riparto per altri km. Adesso uso soucony echelon 5 a pianta larga pero vorrei qualcosa di piu ammortizzato cosa mi consigli?

    • Ciao Giovanni.

      Mi dispiace per il tuo problema che sicuramente è molto fastidioso e ti impedisce di godere a pieno delle tue uscite.

      Per ciò che riguarda le scarpe potresti andare sulle Hoka che sono scarpe da running con una suola molto più spessa e che aumenta la sensazione di confort sull’avampiede.

      Io ti consiglierei di non utilizzarle tutti i giorni ma di alternarle a delle scarpe un po’ più dure.

      Questo ti permetterà di non abituarti troppo ad avere scarpe morbide

      Purtroppo siamo abitudianari e se utilizziamo delle cose troppo confortevoli nel tempo dovremo andare in cerca di cose ancora migliori.

      Ovviamente tutto ciò in funzione delle possibilità che hai per il tuo problema.

      In bocca al lupo e buone corse.

      Se hai bisogno di altro scrivimi.

      Buon allenamento,
      Davide

  7. Buongiorno, le scrivo in merito alla mia difficoltà a trovare un paio di scarpe che mi consentano di non avere dolori lombari alla fine dell’allenamento.
    Ho la tendenza alla sacro ileite, pertanto una lunga camminata mi comporta alla fine dolore lombare con riflesso anche sulle anche. consumo le scarpe sul lato esterno con appoggio sotto il primo metatarso.
    presumo di avere una… supinazione??
    resto in attesa di un suo consiglio per comprare scarpe per me adatte.
    saluti
    Francesca

    • Ciao Francesca,

      Purtroppo non si può definire se si è pronatori o supinatori solo da queste poche informazioni.

      Le donne in percentuale sono più pronatrici per questioni di conformazione.

      Questo però non vuol dire nulla in quanto anche se in minore misura possono essere comunque supinatrici.

      Vista la possibile concomitanza di correzioni da adottare, non focalizzerei la soluzione su una scarpa ma:
      1) farei realizzare dei plantari su misura
      2) acquistarei una scarpa A3 neutra.

      Se invece volessi provare la via delle scarpe puoi scegliere una fra queste due opzioni:
      A) Nike Pegasus
      B) Asics Kinsei

      Buon allenamento,
      Davide

  8. Ciao Davide, trovo sempre molto interessanti i tuoi articoli e le tue indicazioni.
    Vorrei chiederti un consiglio per la mia situazione.

    Ho ripreso a correre da 11 mesi. Inizialmente ad un ritmo medio di 5’30/km usando delle Mizuno Wave Rider 17, che avevo in casa da tempo (probabilmente avevano percorso non più di 400 km). Le trovavo leggere e reattive, ma dopo circa 40’ avvertivo sempre dolore sotto l’avampiede.

    Così ho acquistato delle Brooks Glycerin 16, per cercare la massima ammortizzazione. Effettivamente l’ho trovata! Queste scarpe sono morbidissime. Ora però il mio ritmo medio è 4’40” al km e quando accelero intorno ai 4’00/km sento le scarpe pesanti.

    Pertanto stavo pensando di comperare un altro paio di scarpe più reattive da usare per le sessioni di ripetute ed eventualmente in qualche gara da 10 km.
    Secondo te ha senso? Quali modelli mi consiglieresti di provare per avere più reattività, ma anche una buona ammortizzazione?

    Peso 80 kg e sono alto 190 cm. Ho un arco plantare molto accentuato (piede cavo) per cui uso solette personalizzate. Nonostante ciò rimane una forte supinazione e consumo molto presto la parte esterna del tallone delle scarpe.

    Grazie per i consigli che potrai darmi.

    • Ciao Ivan e grazie per i complimenti.

      Domanda impegnativa!

      Allora, io rimarrei su delle A3.

      Le Mizuno Wave Rider in realtà potrebbero essere le scarpe da running adatte perché presentano nella parte anteriore una tecnologia che aiuta nella falcata. Inoltre sono scarpe da corsa piuttosto leggera nonostante siano A3.

      Di seguito un piccolo elenco delle scarpe più reattive e ammortizzate:
      1) Nike Elite 10
      2) Asics Dinaflyte
      3) Adidas Energy Boost
      4) Brooks Ravenna (sono un po’ strette di pianta)
      5) Saucony Ride

      Leggi le recensioni e scegli quella che credi sia più vicina alle tue necessità e caratteristiche.

      Se hai bisogno di altro sono qui.

      Buon allenamento,
      Davide

  9. Salve,
    Sono un 40enne che ha sempre praticato sport(calcio,ciclismo,pallavolo ) e da vari anni mi sono dedicato al bodybuilding,ma non disdegno di continuare attività aerobica come mtb, ciclismo e nuoto..
    Sono alto 180 e il mio peso oscilla tra gli 88 e i 94kg .
    Circa due settimane fa ho ripreso a correre un po’ più intensamente del solito ,arrivando a fare 4allenamenti in una settimana e 10km in un ora ,purtroppo mi sono dovuto fermare causa dolore alla pianta del piede e tallone,che sto curando con antifiammatori e riposo.
    Ho notato che le scarpe sono consumate verso l esterno,per cui presumo che sono un supinatore,e che il miei dolore al piede sinistro sia fascite plantare.
    Potreste consigliarmi delle scarpe buone?pensavo alle Nike Vomero 14,Mizuno rider 22,e Asics culumbus 20,
    Se può darmi dei consigli.
    Grazie mille e complimenti.

    • Ciao Giovanni,

      Quello che ti posso dire è che se hai iniziato troppo velocemente a fare attività ad alta intensità, al di là delle scarpe utilizzate, il problema potrebbe ricercarsi nella quantità di km effettuati.

      Il riposo è importante tanto quanto l’allenamento.

      Tutte le scarpe sono più o meno buone, quello che è determinante è quello che fai.

      I modelli che scrivi sono molto diversi:

      1) le Vomero sono scarpe riposanti
      2) le Cumulus sono modelli per Runner che fanno uscite da 30/45 minuti 2/3 volte a settimana
      3) le Wave Rider sono da runner evoluti con una buona gamba cioè sotto i 5 minuti a km.

      Io non mi focalizzerei troppo sul fatto di essere o meno supinatore, andrei su scarpe neutre e le cambierei dopo 500km visto che facendo palestra dovresti avere anche un peso maggiore di un Runner normale.

      Per te ti proporrei:
      1) Asics Nimbus
      2) Nike Pegasus (che hanno una leggera correzione per la supinazione)
      3) Mizuno Prophecy.

      Buon allenamento,
      Davide

    • Ciao Davide,
      Leggendo le tue risposte ho trovato interessante questo sito.
      Volevo chiederti un parere in merito ad un paio di scarpe che sto utilizzando e un consiglio per paio che vorrei acquistare. Quelle che sto utilizzando sono delle new balance Hierro v3 e le ho usate per fare qualche camminata in montagna. Adesso cercavo una scarpa da camminata /palestra che mi dia stabilità e mi sostenga anche quando sto fermo sul posto in piedi. Cosa ne pensi delle Mizuno Wave ultima 8? Tieni presente che ho un appoggio del piede supinatore e peso 120kg
      Grazie e complimenti per il tuo supporto tecnico

      • Ciao Pino,

        Se corri con una scarpa da trail su percorsi sterrati va bene, se la utilizzi invece su asfalto o piastrellato non va bene, perchè la scarpa, non adatta per quelle superfici, oltre a usurarti prima potrebbe provocarti qualche fastidio.

        Un’altra cosa: ti consiglio di utilizzare una scarpa per camminare e un’altra per correre, e non di fare le due attività con lo stesso prodotto.

        Per rispondere alla tua domanda, penso che le Ultima 8 siano un grande prodotto ma che non siano adatte a te: hanno infatti una piastra in Pebax che aiuta la falcata (mentre tu avresti bisogno di un grande ammortizzamento).

        A tal proposito, ti consiglio le Hoka Bondi 6, progettate appositamente per chi cerca una grande ammortizzazione e stabilità (sono molto larghe a livello di pianta del piede).

        Buon allenamento,
        Davide

  10. Ciao Davide,
    Ho letto con grande interesse il tuo articolo che ho trovato estremamente chiaro ed esaustivo.
    L’anno scorso ho iniziato a correre e dopo qualche mese ho accusato un fortissimo dolore alla pianta del piede. Il mio fisio mi disse che era fascite plantare al piede destro esterno e che era ora di buttare le scarpe! Mi sono rivolta ad un negozio specializzato dove mi hanno suggerito una Mizuno wave inspire 14. Ne ho consumate 2 paia nel giro di 10 mesi.
    Disgraziatamente ora sono iniziati problemi anche al ginocchio destro (sempre esternamente), così mi sto chiedendo se questa sia veramente la scarpa che fa per me.
    Sono abbastanza sicura di essere supinatrice, perché le mie suole sono tutte consumate nella pianta a destra.
    Ovviamente ora sono passata alla camminata veloce, perché correre stressa troppo il tendine e mi fa male.
    Io sono alta 1.60 e peso circa 58 kg. Uscivo dalle 3 alle 4 volte a settimana per poco più di una decina di km.
    Un consiglio da una persona esperta mi farebbe veramente molto comodo e mi darebbe sicuramente più sicurezza.
    Grazie mille per l’attenzione

    Linda

    • Ciao Linda,

      Ho letto attentamente quello che mi hai scritto, e sono arrivato alla conclusione che le Wave Inspire non sono le scarpe ideali per te.

      Il fatto che tu vada a usurare le scarpe sull’esterno, potrebbe essere per questo motivo: le Inspire, avendo un supporto anti-pronazione, sostengono molto di più il piede e lo spingono a poggiare sull’esterno. Non sei dunque tu a correre in questo modo, ma è la scarpa che ti spinge a farlo!

      Ti consiglierei dunque una scarpa neutra (se sei un’amante di Mizuno, puoi optare per le Wave Rider, Sky o Horizon), evitando delle scarpe con tecnologia anti-supinazione.

      Se invece vuoi continuare su una scarpa con un leggerissimo supporto, ti consiglio le Nike Pegasus.

      Fammi sapere come va.

      Buon allenamento,
      Davide

  11. Ciao Andrea corro da 30 anni e ho sempre avuto un consumo delle scarpe parte esterna tallone.Da qualche anno ho alluce valgo mi hanno fatto dei Plantari, da qualche mese uso la ghost 11 che ho trovato ottima ma che sento troppo stretta avampiede inoltre ho sempre la sensazione e cio soprattutto quando cammino che sia sbilanciato all’esterno. Normalmente facevo più di 70 km settimanali. Grazie a dei Plantari dopo essere stato fermo per mesi sto meglio ed ho ripreso a correre ma vorrei essere certo di usare scarpe più adatte. Che modello mi potrebbe essere di aiuto? Grazie e scusa per il disturbo.

    • Ciao Antonio,

      Il fatto che siano più strette davanti è normale perché il plantare occupa più spazio.

      Le scarpe più spaziose sull’avampiede sono Nike e Brooks.

      Visto che stai già utilizzando delle Brooks puoi provare le Nike.

      Se pesi meno di 85kg puoi optare per le Nike Pegasus (https://www.scarperunning.org/nike-pegasus/) che hanno anche un piccolo sistema anti-supinazione (anche se a te non serve perché hai già un plantare personalizzato).

      Infine, non importa come ti senti quando cammini, in quanto l’assetto cambia fra camminata e corsa, quindi le regole sono:
      1) per correre, utilizza scarpe specifiche per la corsa, mai quelle che usi anche per il tempo libero (proprio perché potresti usurarle in punti decisamente differenti)
      2) Quando utilizzi il plantare ricordati sempre di togliere la soletta della scarpa.

      Buon allenamento,
      Davide

  12. Ciao Davide,
    amo correre e amo la tua professionalità e percio eccomi qui pure io.

    30 anni, 1.60m, 54kg, supinatrice.
    Mi alleno 3-4 giorni a settimana sugli 8-10km, insomma all’incirca per un’ora.Ho plantare personalizzato.
    Ho fatto già due mezza maratone sulle due ore e mezza, la prima con le hoka, la seconda con brooks glycerin (piu pesanti ed io piu lenta assai!).
    Problemi: dopo un’ora e mezza in entrambi i casi comincia a farmi male il ginocchio destro lato esterno.
    Potresti consigliarmi un paio di scarpe per gli allenamenti cosi aumento un po’ la velocità ma allo stesso tempo ho un buon supporto, e un paio per le mezze maratone cosi da stare sulle ginocchia due ore e passa senza vedere i mostri per il dolore?

    Grazie grazie e ancora grazie. Non voglio rinunciare alla corsa, la mia terapia!

    • Ciao Paola! Ti ringrazio per le belle parole.

      Ho visto il tuo peso e direi che quello va bene, mentre invece è probabile che il tutto si identifichi sulla velocità di crociera.

      Voglio però essere sincero: la velocità non dipende dalla scarpa, ma da te.

      Ad esempio, se io dessi una qualunque scarpa a Bolt, le differenze sulle prestazioni sarebbero minime.

      Quello che voglio dire è che la scarpa è importante, ma essa non determina in alcun modo un cambio repentino di velocità.

      Sicuramente potranno aiutarti e migliorarti di qualche secondo ma nulla di più.

      Un altro punto sul quale vorrei fare una considerazione è il plantare… quanti km ha?

      Perché almeno ogni anno dovresti farlo rivedere per controllare se necessita di aggiustamenti.

      Le scarpe che hai utilizzato rappresentano un ottimo modello e direi che vanno bene.

      Il problema del dolore al ginocchio probabilmente deriva un parte al fatto che stai troppo sulle gambe: cioè tu giri sulla mezza maratona a oltre i 7 minuti a km di media, e questo comporta un grande sforzo a livello articolare.

      Magari lavori più su una gamba e il ginocchio ne va a soffrire.

      Prova a concentrarti a migliorare la velocità sui tratti più corti, magari parlandone con il tuo allenatore, vedrai che anche i problemi andranno a risolversi.

      Ultima cosa… vai a fare un controllo magari facendo degli esami da dei professionisti quali fisioterapisti o ortopedici, per scongiurare delle lesioni che potrebbero peggiorare nel tempo.

      Ti dico la verità. Potrei consigliarti altre scarpa ma se con quelle che hai ti trovi bene, significa che sono il modello giusto per te.

      Se hai altre domande o dubbi, scrivimi pure.

      Buon allenamento,
      Davide

    • Ciao Davide! Dovrei cambiare le mie scarpe da corsa, Mizuno x 10, avevo un leggero fastidio al ginocchio, e con le Mizuno nn ho sentito più nessun dolore! Solo che ora è tornato, può derivare dal consumo della scarpa il fastidio che ho? Ho controllato la suola e ho notato che è consumata sulla parte esterna del tallone..che scarpa mi consigli? Ti ringrazio tanto!

      • Ciao Lia,

        Si,può derivare dalla scarpa, sia perché si usura la suola ma soprattutto perché i materiali utilizzati si deformano e non sono più in grado di sostenerti nella corsa.

        Se ti sei trovata bene con Mizuno ti consiglierei di continuare con questo brand.

        Se non hai fatto dei controlli, comunque una visita per veder che non ci siano problemi di altro tipo, la farei!

        Buon allenamento,
        Davide

  13. Complimenti per il sito.
    Ho 69 anni faccio lunghe passeggiate a circa 5 km ora, ho i talloni consumati sulla parte esterna ed un arco plantare esteso. Soffro ogni tanto di dolori sulla parte alta del piede.
    Ho acquistato per caso nel 2016 delle scarpe Mizuno FL 1213 con il plantare soletta liquido e la forma larga, non essendoci il numero 41 e mezzo da uomo ho preso quelle da donna perché le calzavo molto bene. Mi sono trovato benissimo adesso sono consumate e vorrei cambiarle che modello suggerisci?

    Grazie anticipato

    • Ciao Domenico e grazie per i complimenti.

      Non conosco questo modello di Mizuno.

      Beh, se le hai dal 2016 è normale che siano usurate in qualche zona; tutti consumiamo le scarpe in alcune zone ma questo non vuol dire che abbiamo degli eccessi in pronazione o supinazione se l’usura avviene sul lungo periodo.

      Detto questo, avendo un plantare e constatando che va bene nella calzata delle Mizuno, dato che non ho informazioni sulla tua altezza e sul tuo peso, ti consiglio di andare su delle A3 di questa marca.

      Se vuoi un consiglio più specifico informami su altezza e peso.

      Buon allenamento,
      Davide

  14. Ciao e complimenti per la passione e la professionalità.
    Ho un problema legato alla corsa che pratico per hobby su distanza di 10km per ogni uscita.
    Ho utilizzato asics nimbus che ora devo sostituire perché ormsi fiaccate nella parte interna. Le nimbus hanno una buona ammortizzazione, ma non ho avuto dall’inizio un buon feeling, nel senso che correndo ho sempre avuto un problema di vesciche nella parte interna del piede circa a metà, nella zona dell’arco. La suola non è consumata in maniera nettamente eterogenea, però correndo ho la sensazione di caricare il peso verso l’interno e le nimbus hanno la suola nettamente fiaccata all’interno, per cui ora sono inutilizzabili e mi causano dolori al ginocchio.
    Avrei necessità di un consiglio su che tipo di scarpa acquistare..
    Grazie un saluto

    • Ciao Piermario,

      beh, da quello che mi descrivi, penso tu possa essere un pronatore.

      La differenza risiede però nei km che hai corso con queste scarpe.

      – Se le scarpe hanno fatto 2000 km, un’usura più accentuata in certe zone è abbastanza normale.
      – Se invece ne hai fatti solo 200, beh, allora sei probabilmente un pronatore.

      Io però consiglierei di rimanere su scarpe A3, magari cambiando modello. Dai un’occhiata a questo articolo: https://www.scarperunning.org/scarpe-running-a3/

      Per le vesciche, invece, prova ad allacciare meglio le scarpe sulla parte dell’arco plantare.

      Buon allenamento,
      Davide

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here